Il comune apre alle visite guidate nelle serre

Si rivolge in particolare ai giovani e alle scuole l’iniziativa dell’amministrazione comunale che promuove l’accesso alle serre comunali attraverso visite guidate mensili

Aprire alla città le porte delle serre comunali, per far conoscere a cittadini e turisti un spazio storico dedicato al verde pubblico e il lavoro dei professionisti che, ogni giorno, curano piante e fiori di Verona. È questo lo scopo dell’iniziativa proposta dagli assessori ai Giardini Marco Padovani e al Patrimonio Edi Maria Neri, che questa mattina hanno visitato le serre comunali presenti alla rondella di San Giorgio.

Con la presenza di circa 5000 tra piante e fiori di diverse tipologie, le serre possono garantire la distribuzione di verde in ogni luogo di interesse storico e turistico della città, dai palazzi comunali alle biblioteche, ma anche nei cortili delle chiese e nei musei civici.

Dalle serre provengono le piante fiorite di piazza Bra, di via Roma e dell’Arena, nonché gli arredi floreali degli uffici comunali di palazzo Barbieri, dell’Anagrafe, del Museo di Castelvecchio, della Biblioteca civica, del Museo del Teatro Romano e della Tomba di Giulietta.

“E’ importante che i cittadini abbiano la possibilità di accedere ad un luogo tanto suggestivo quanto storico”, ha commentato l’assessore Edi Maria Neri. “Le serre si innestano su una porzione di cinta magistrale sulla porta di San Giorgio, con la presenza di mura veneziane ed austriache”.