“Codice rosso”: 36enne a Negrar viola il divieto di avvicinamento, arrestato

Da oltre due mesi era sottoposto al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, ma ieri lo ha violato a Negrar. Arrestato 36enne dai Carabinieri.

Carabinieri Negrar
Foto d'archivio

Nuovo intervento che rientra nel cosiddetto “Codice Rosso“. Arrestato un 36enne, ieri martedì 21 maggio, a Negrar di Valpolicella: avrebbe violato la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, provvedimento emesso il 5 marzo scorso dal Tribunale di Sassari. L’uomo, italiano già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai Carabinieri di Negrar.

LEGGI ANCHE: DDL Autonomia, arriva il via libera della Camera: è legge

Il 36enne infatti è stato individuato, dai militari dell’Arma, nel momento in cui si trovava in una struttura sanitaria a pochissima distanza dalla parte offesa. L’intervento dei Militari dell’Arma è stato possibile grazie al monitoraggio del territorio e all’attenzione prestata nei confronti delle vittime di violenza domestica e di genere.

Dell’arresto è stata informata la Procura della Repubblica di Verona che ha disposto che l’uomo fosse trattenuto nelle camere di sicurezza della Caserma in via Salvo d’Acquisto di Verona. Nella mattinata di oggi il 36enne è stato condotto innanzi al Giudice del Tribunale di Verona che ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora nel Comune di Verona.

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere