Chiusura del 12oz a Verona, l’azienda: «Sconcerto e delusione»

Il fondatore di “12oz Coffee Joint” David Nathaniel critica la decisione del Questore di chiudere per un mese il locale di fronte alla stazione, in quanto luogo di ritrovo per pregiudicati.

David Nathaniel, fondatore di 12oz
David Nathaniel, fondatore di 12oz

Seconda chiusura in un anno per il locale “12oz Coffee Joint” di piazzale XXV Aprile a Verona, di fronte alla stazione ferroviaria di Porta Nuova. La Questura chiuse il locale per 15 giorni a fine aprile 2023 e per altri 30 adesso, ad aprile 2024. I motivi, simili in entrambi i casi: il bar risulta essere luogo di ritrovo per persone pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica.

L’azienda però non ci sta e rivendica «gli sforzi profusi da 12oz per contribuire a combattere il fenomeno della criminalità, sempre più diffusa nel piazzale antistante la Stazione di Verona», in una nota firmata da David Nathaniel, Amministratore Delegato 12oz Coffee Joint srl.

LEGGI ANCHE: Omicidio di Villafranca, il presunto responsabile si costituisce

Nathaniel parla di «Un misto di sconcerto e delusione, così potremmo definire, in sintesi, il clima nel quale ci è stato notificato, nel tardo pomeriggio di lunedì 8 aprile, dalla Questura di Verona il provvedimento che ha disposto la chiusura temporanea della nostra caffetteria».

Sono dure le parole dell’amministratore dell’azienda, che critica la scelta della chiusura, anche rivendicando un impegno nell’installazione di videocamere di sorveglianza, nell’assunzione di personale di vigilanza e nella formazione dei collaboratori.

Riportiamo di seguito il comunicato dell’azienda.

LEGGI E GUARDA ANCHE: Dentro al nuovo sottopasso di via Città di Nimes a Verona

Bar 12OZ Verona stazione Porta Nuova Polizia

Il comunicato di 12oz

«Un misto di sconcerto e delusione, così potremmo definire, in sintesi, il clima nel quale ci è stato notificato, nel tardo pomeriggio di lunedì 8 aprile, dalla Questura di Verona il provvedimento che ha disposto la chiusura temporanea della nostra caffetteria 12oz di piazzale XXV Aprile.

A ben poco, se non a nulla (o almeno questo ci pare traspaia dal provvedimento questorile), sono infatti serviti tutti gli sforzi profusi da 12oz per contribuire a combattere il fenomeno della criminalità, sempre più diffusa nel piazzale antistante la Stazione di Verona.
Ma facciamo un passo indietro.

Nel mese di maggio dello scorso anno, in occasione di un incontro con le autorità di polizia della città di Verona, incontro peraltro effettuato a seguito di nostra pressante richiesta giustificata dalla crescente preoccupazione per l’evidente situazione di degrado della zona circostante al locale, venivano predisposte diverse misure – tra loro strettamente connesse – di comune accordo di tutte le parti coinvolte.

La nostra azienda si è subito impegnata e ha posto in essere importanti interventi di adeguamento del locale, installando ulteriori telecamere di videosorveglianza, assumendo personale specializzato nell’attività di vigilanza, nonché formando i nostri collaboratori in materia di sicurezza e prevenzione dei reati e segnalando tempestivamente anche ogni minimo sospetto di attività illecita.

Non tutte le misure però hanno potuto essere attuate. Un esempio su tutti: la proposta venutaci dalla questura di chiudere i bagni del locale per non renderli potenziali centri di spaccio, che si è rivelata impraticabile per non incorrere in violazione di leggi sanitarie ed esporci a reclami da parte delle associazioni di categoria.

Consapevoli, tuttavia, della perdurante criticità della situazione, pur a fronte dell’impegno che abbiamo profuso, lo scorso febbraio abbiamo chiesto un nuovo incontro alla Questura, venendo ricevuti non più di dieci giorni fa.

Al termine dell’incontro dopo essere stati ripetutamente rassicurati dalle autorità in merito all’ottimo lavoro svolto da 12oz e all’insussistenza di motivazioni per temere una prossima ed eventuale chiusura, continuavamo le nostre attività confidando nella corretta gestione delle politiche di ordine pubblico da parte delle stesse autorità, evidentemente, prive di risultati.

Le nostre speranze, frutto dei tanti sforzi posti in essere con innumerevoli segnalazioni alle autorità pubbliche e con l’adozione di tutte le misure concordate, sono andate del tutto in fumo con la temporanea chiusura che ci è stata imposta.

Ma siamo davvero sicuri che la sospensione di un’attività di pubblico esercizio sia la migliore o l’unica soluzione veramente praticabile per contrastare fenomeni criminogeni e criminali così radicati nella zona? Nello spirito di collaborazione che ha sempre contraddistinto i nostri rapporti, ci viene da pensare che fornire nel piazzale un presidio 24h/7 giorni e istituire una linea di pronto intervento, rappresenterebbe un cambio di passo da parte dell’autorità verso una concreta attività dissuasiva senza penalizzare attività che costituiscono una sana risorsa economica per cittadini, lavoratori e turisti che la vivono quotidianamente.

Saremmo davvero molto rammaricati se, in mancanza di un più efficace e performante intervento congiunto delle autorità competenti con l’ausilio delle forze di polizia, fossimo costretti ad abbandonare per sempre questa meravigliosa città. Opzione che ad oggi appare più che plausibile, a differenza di tutte le altre città e stazioni, dove operiamo con circa 30 punti vendita e impiegando oltre 140 persone (di cui 15 nella città di Verona) e dove le nostre attività si svolgono in una normale quotidianità.

David Nathaniel, Amministratore Delegato 12oz Coffee Joint srl»

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici