Chievo: la Procura chiede -15 punti e 3 anni di “stop” per Campedelli

New call-to-action

Una penalizzazione di 15 punti, non più da applicare alla stagione scorsa, ma a quella in corso, e 36 mesi di “stop” per Campedelli. È quanto chiesto dalla Procura federale per il Chievo sulla vicenda delle plusvalenze fittizie.

E’ arrivata stamattina la richiesta della Procura federale della Figc davanti al Tribunale federale nazionale per la vicenda delle presunte plusvalenze fittizie del Chievo Verona: 15 punti di penalizzazione (da scontare nella stagione in corso) e tre anni di inibizione per il presidente della società Luca Campedelli.

Un duro colpo per la squadra clivense che, però, non vuole mandare giù l’amaro boccone: l’avvocato della società, Marco De Luca, ha infatti dichiarato che le contestazioni della Procura federale sarebbero infondate, dato che i calcoli e i valori dei giocatori a cui si fa riferimento sono sbagliati. Ma non è finita qui, perchè ora il club ha chiesto l’improcedibilità del processo in virtù di un vizio di forma: il deferimento, infatti, non sarebbe stato firmato dal procuratore perchè, in quel momento, si trovava al mare: “Questo è un punto fondamentale – ha detto De Luca – sul quale avremo le nostre ragioni in questo processo, altrimenti in sede di appello”.