Castelnuovo, le iniziative per la giornata contro la violenza sulle donne

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, i 37 Comuni del Distretto Ovest Veronese hanno deciso di lavorare sulla comunicazione sociale visiva. Un grande pannello affisso su ogni Comune, nello stesso momento per lo stesso tempo. A significare che nessuna donna di nessun territorio deve essere sola.

Nel 2017, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Provincia di Teramo decise di affiggere sui cantieri più visibili dell’intera provincia e su alcuni immobili pubblici inagibili dei grandi banner con un’immagine evocativa sulla violenza contro le donne e uno slogan molto efficace: “Violenza sulle donne. Mai più silenzio”. Su ogni pannello un quadro di Artemisia Gentileschi, segnata da giovanissima da uno stupro che la portò poi ad un processo.

37 Comuni del Distretto Ovest Veronese hanno deciso di sposare questo progetto e di lavorare sulla comunicazione sociale visiva. Un grande pannello affisso su ogni Comune, nello stesso momento per lo stesso tempo. A significare che nessuna donna di nessun territorio deve essere sola, che ogni porta deve rimanere aperta per accogliere una richiesta di aiuto per lei e per i suoi figli. Anche il Comune di Castelnuovo del Garda aderisce all’iniziativa. 

«Il dramma della violenza sulle donne è molto sentito, per questo negli spazi che recupereremo nell’edificio di piazza della Libertà, grazie all’acquisizione da parte del Comune di una palazzina in via Carducci, troverà posto anche lo sportello di Telefono Rosa» spiega l’assessore alle Pari opportunità Marilinda Berto. «Come Amministrazione comunale in vista di questa Giornata avevamo predisposto un ricco programma di eventi, nella convinzione che la piaga della violenza sulle donne, ma anche sui bambini o gli anziani, si combatte in primo luogo sul piano culturale, con la formazione delle coscienze. Purtroppo l’emergenza sanitaria ci ha costretti a rinunciare ma torneremo con più forza sul tema l’anno prossimo».

«I Comuni del Distretto Ovest già da tempo sostengono e finanziano insieme all’Azienda Ulss 9 Scaligera una filiera di servizi che vanno dal protocollo con forze dell’ordine e ospedali per accogliere in emergenza una donna maltrattata; una casa rifugio e poi appartamenti di sgancio al fine di accompagnare le donne e i loro figli in un percorso di rinascita, pur non sempre facile» prosegue. 

«Sul pannello compare anche il numero del Telefono Rosa 045 8015831 e una mail a sociale@aulss9.veneto.it che raccoglieranno richieste informative e di aiuto, qualunque ne sia la causa. In rete si lavora in maniera più efficace; la rete permette di realizzare  interventi che da soli è difficile sostenere;  in rete si è più forti contro la violenza» conclude. «Così come abbiamo preso il testimone dalla Commissione Pari opportunità della Provincia di Teramo, così speriamo di poterlo passare ad altri il prossimo anno».

LEGGI LE ALTRE NEWS