Carabinieri, Illasi e Monteforte hanno due nuovi Comandanti

Il Maresciallo Ordinario Andrea Di Censi e il Maresciallo Maggiore Rosario Ramingo sono i nuovi comandanti, rispettivamente, delle stazioni dei carabinieri di Illasi e di Monteforte d'Alpone.

Da sinistra: il Maresciallo Ordinario Andrea Di Censi e il Maresciallo Maggiore Rosario Ramingo
Da sinistra: il Maresciallo Ordinario Andrea Di Censi e il Maresciallo Maggiore Rosario Ramingo

Doppio avvicendamento in questi giorni nelle stazioni dei carabinieri della provincia di Verona, in particolare a Illasi e a Monteforte d’Alpone, che da ora hanno due nuovi Comandanti.

A prendere il comando della stazione carabinieri di Illasi è il Maresciallo Ordinario Andrea Di Censi, 31enne di San Severino Marche. Il Maresciallo Di Censi ha frequentato la Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze ed è laureato in Scienze della Sicurezza Sociale. Promosso Maresciallo nel 2012, ha ricoperto l’incarico di vicecomandante della Stazione Carabinieri di Santa Giustina Bellunese, approdando nella Provincia di Verona nel 2015 quando ha assunto il medesimo incarico a Cologna Veneta, dove ha maturato esperienze in ambito investigativo ottenendo importanti successi nel contrasto dei reati contro il patrimonio e la persona. Il sottufficiale il 1° aprile, ha sostituito il Maresciallo Maggiore Davide Mastella, destinato ad altro incarico e che ha guidato il reparto per circa un anno.

Ad assumere il comando a Monteforte d’Alpone è stato, invece, il Maresciallo Maggiore Rosario Ramingo. 54enne originario di Morciano di Leuca in provincia di Lecce, il Maresciallo Ramingo ha ricevuto il testimone dal Luogotenente Alfredo Puce, destinato ad altro incarico e che ha guidato il reparto per circa nove anni. Il Maresciallo Ramingo ha frequentato la Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze ed ha conseguito il diploma di Liceo Scientifico. Promosso Vice Brigadiere nel 1990, ha ricoperto l’incarico di addetto alla Stazione Carabinieri di Chioggia-Sottomarina. Nel 1993 è stato trasferito alla Compagnia di San Bonifacio quale capo equipaggio del Nucleo Radiomobile, e nel 1998, promosso “maresciallo”, alla Stazione Carabinieri di San Bonifacio, dove è riuscito ad emergere per le sue doti professionali e le qualità umane.