Cantieri in centro a Verona, definito il programma per ridurre i disagi

I cantieri mobili in corso Porta Palio partono dalla settimana prossima, giovedì in via del Minatore. In via Roma lavori a ottobre al termine della stagione turistica dell’estate.

Federico Benini
Federico Benini, assessore alle Strade del Comune di Verona
New call-to-action

Ultimate le riunioni tecniche, come previsto è stato definitivamente concluso oggi in Comune a Verona il cronoprogramma dei micro cantieri mobili che interesseranno il centro storico da qui a ottobre, nello specifico corso Porta Palio, via del Minatore e via Roma, e che si rendono necessari in vista delle Olimpiadi del 2026.

Come già anticipato, il Comune «assicura che si tratta di lavori che avranno limitato impatto sulla viabilità e sulle attività commerciali, ciò grazie alla scelta di avvalersi di cantieri mobili, di lunghezza pari a circa 50 metri alla volta. Finito un micro cantiere partirà quindi il successivo, così da occupare la minor superficie possibile diminuendo i disagi per la cittadinanza».

Tre le zone interessate dai lavori, secondo un cronoprogramma studiato sulle caratteristiche di ciascuna e sulle esigenze legate alla circolazione.

Si parte da Corso Porta Palio e via del Minatore, il cui traffico durante l’estate è alleggerito dalla chiusura delle scuole e dai veronesi in ferie. A ottobre sarà invece la volta di via Roma, che essendo pedonale non ha necessità legate al traffico bensì alla stagione turistica in corso. Un micro cantiere è previsto anche in piazza Bra davanti alla Gran Guardia, ma sarà quasi impercettibile agli utenti della strada.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

Cronoprogramma

Corso Porta Palio: da lunedì 10 luglio micro cantieri in azione su Corso Porta Palio nel tratto dagli Scalzi verso la Porta e lungo Corso Castelvecchio; successivamente i lavori si sposteranno in via Piccoli, dove rimarranno fino all’11 agosto. Quindi dal 21 agosto al 19 settembre si lavorerà sul tratto finale di Corso Porta Palio in direzione Castelvecchio.

Via del Minatore: lavori dal 13 luglio, dureranno circa 2 mesi per finire sicuramente prima dell’inizio delle scuole.

Piazza Bra sarà interessata dai lavori all’altezza della Gran Guardia dal 24 luglio al 10 agosto. Grazie alla modalità dei micro cantieri sarà sempre garantito il doppio senso di marcia e non ci saranno disagi per chi attraversa la piazza.

Via Roma. Qui i lavori partiranno il 1°ottobre, finita la stagione turistica estiva, e dureranno circa 5 settimane. Il modus operandi sarà sempre lo stesso, ovvero si lavorerà di 50 metri in 50 metri, sarà transennata solo l’area di cantiere, con il resto della via che sarà percorribile come al solito e le attività commerciali che non subiranno particolari disagi.

Tutto l’intervento sarà terminato entro la metà di novembre. Per quanto riguarda i mezzi pubblici, eventuali modifiche delle fermate saranno comunicate da Atv.

«Terminate tutte le riunioni tecniche riusciamo oggi a dare il cronoprogramma definitivo dei cantieri legati alle nuove linee elettriche – spiega l’assessore alle Strade Federico Benini -. Nei giorni scorsi la ditta ha diffuso ai commercianti un volantino che annunciava i lavori e le zone ma non specificava le date. Abbiamo tenuto conto delle diverse necessità zona per zona, i mesi estivi sono il periodo migliore per lavorare in strade e vie ad alta congestione di traffico, come ad esempio Porta Palio e via del Minatore. Diversa se non opposta è la situazione di via Roma, che essendo pedonale non ha problemi di traffico ma la necessità di essere fruibile al meglio durante la stagione turistica. La novità dei micro cantieri mobili che interessano brevi tratto di superficie permette di limitare al massimo i disagi».

E come sottolinea il dirigente del settore Traffico Michele Fasoli, «si tratta di cantieri importantissimi per l’approvvigionamento di energia elettrica nelle zone vicine all’Arena e al Municipio, assolutamente necessari per gli eventi olimpici e concordati da V-Reti con la Soprintendenza».

«Come assessorato al Commercio cerchiamo sempre di interloquire con le varie associazioni di categoria – ha detto l’assessore al Commercio Italo Sandrini -. Questi lavori devono essere fatti per raggiungere importanti obiettivi ai quali stanno lavorando numerosi soggetti, lato nostro cerchiamo di farli mitigando al massimo i disagi per i cittadini e consapevoli delle esigenze dei commercianti. Per quanto riguarda l’intero mosaico dei cantieri, quando saranno finiti ne vedremo la bontà, si tratta di lavori che daranno una nuova dimensione alla nostra città».

«Stiamo incastrando tutto ciò in una città che non è ferma – ha detto il comandante della Polizia locale Luigi Altamura -. Su piazza Bra i disagi saranno praticamente impercettibili e la piazza sarà libera anche prima dell’importante evento sportivo del 15 agosto in Arena, che ospiterà la partita inaugurale del campionato europeo di volley femminile 2023. I nostri agenti saranno impegnati su fronte viabilistico per eventuali deviazioni. L’obiettivo resta finire i cantieri su Corso Porta Palio e via del Minatore entro il 13 settembre quando riaprono le scuole».

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono

Le critiche di Confcommercio

«I cantieri per la posa di nuove linee elettriche saranno anche poco invasivi come ha affermato l’assessore alle Strade Federico Benini, ma hanno generato da subito estrema preoccupazione e disorientamento tra gli imprenditori del commercio e del turismo del centro storico». Lo sottolinea in una nota Confcommercio Verona.

«Questo perché la stagione estiva che, dopo un inizio balbettante, sta entrando nel vivo con i suoi eventi areniani, con il picco di arrivi e presenze, oltre che con l’avvio dei saldi di giovedì 6 luglio, soffrirà comunque una serie di disagi non preventivati in quanto è mancata ogni forma di comunicazione: la nota informativa di Palazzo Barbieri con le dichiarazioni dell’assessore Benini è arrivata, per usare gergo calcistico, solo allo scadere dei tempi regolamentari».

paolo arena-confcommercio-verona-4
Il presidente di Confcommercio Verona, Paolo Arena

«Vogliamo sperare – prosegue Confcommercio Verona – che le parole di rassicurazione dell’assessore non si rivelino solo di circostanza e che, di conseguenza, i disagi siano effettivamente impercettibili e limitati nel tempo».

«Chiediamo un tavolo di confronto permanente a tutela delle imprese – conclude la nota di Confcommercio Verona – per gestire al meglio i prossimi step e per essere costantemente informati sull’andamento dei lavori. Vogliamo dare il nostro contributo, frutto delle esperienze e delle problematiche di chi lavora e vive la città. Confidiamo in un rapido riscontro da parte dell’assessore Benini».