Cantiere via Città di Nimes: si avvicina l’apertura del sottopasso

Questa settimana e la prossima (fino al 23 giugno) – meteo permettendo – sono necessarie per concludere le asfaltature, la segnaletica e l'illuminazione. Poi la graduale apertura della nuova viabilità.

Amt3 Ferrari e Mazza
Ferrari e Mazza

Nella giornata di sabato esito positivo per le prove di carico sul nuovo sottopasso unificato di via Città di Nimes a Verona. L’aggiornamento sull’opera, che fa parte degli interventi per la nuova filovia, è arrivato oggi durante la riunione della Commissione consiliare Terza. A chiarire lo stato dei lavori, oggi, sono intervenuti l’assessore alla Mobilità Tommaso Ferrari, il presidente di Amt3 Giuseppe Mazza e il Rup (responsabile unico del progetto) della filovia Domenico Menna.

Come già annunciato in consiglio comunale da Ferrari, questa settimana e la prossima (fino al 23 giugno) – meteo permettendo – sono necessarie per concludere le asfaltature, la segnaletica e l’illuminazione.

LEGGI ANCHE: DDL Autonomia, arriva il via libera della Camera: è legge

Poi, verso fine giugno quindi, si potrà aprire il sottopasso, ma la viabilità ripartirà in modo graduale: servono alcuni giorni per permettere agli automobilisti di passare dall’attuale “anello circolatorio” fra Porta Palio e breccia Cappuccini alla viabilità definitiva.

«Oltre all’apertura graduale, ci stiamo confrontando anche con V-Reti, perché ci saranno anche alcuni interventi relativi alle Olimpiadi 2026» ha spiegato Ferrari in commissione. «Stiamo ragionando anche sulla moderazione della velocità, perché ahimè sulla circonvallazione ci sono stati anche alcuni incidenti mortali».

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere

Oltre al sottopasso, sono in corso altri cantieri, fra cui quelli in via Ferrari e via del Commercio, che presentano alcuni rallentamenti per necessità di chiarire alcuni contrasti burocratici.

Il video della riunione della Commissione Terza

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici