«Ca’ del Bue? Totale disinteresse della Regione»

Le consigliere regionali di minoranza Cristina Guarda (EV) e Anna Maria Bigon (PD) intervengono sull'annosa questione della discarica di San Michele, denunciando uno scarico di responsabilità sulle spalle dei cittadini e degli amministratori locali.

Le Consigliere regionali Cristina Guarda (EV) e Anna Maria Bigon (PD)
Le Consigliere regionali Cristina Guarda (EV) e Anna Maria Bigon (PD)

La storia di Ca’ del Bue potrebbe essere degna di una trama di una soap opera. Travagliati gli ultimi anni del sito di stoccaggio rifiuti che rimane da troppo tempo in un limbo politico, istituzionale e operativo.

Le consigliere regionali Cristina Guarda (EV) e Anna Maria Bigon (PD) sull’annosa questione dello smaltimento dei rifiuti di Verona e parte della provincia denunciano: «Insieme abbiamo presentato una interrogazione in Consiglio regionale per chiedere alla Giunta quali soluzioni intendesse proporre al fine di garantire a lungo termine la gestione dei rifiuti provenienti dai bacini di Verona città e Verona Nord, ma la risposta giunta martedì in Consiglio regionale ci ha lasciate basite e preoccupate. Ancora una volta la Giunta regionale non risponde nei fatti e scarica la questione sulle spalle dei sindaci e dei cittadini. Appare chiaro quindi che il Veneto non può contare su una strategia regionale per lo smaltimento dei rifiuti e di conseguenza tra un anno i cittadini veronesi potrebbero trovarsi nella stessa condizione, ossia in difficoltà a causa di un processo di smaltimento saturo».

«Gli amministratori locali possono agire limitatamente se privi di un supporto da parte della Regione, come abbiamo più volte sottolineato. Noi continueremo a denunciare la grave situazione affinché la Regione non se ne lavi completamente le mani. Dallo smaltimento dei rifiuti dipende anche la salute dei cittadini».

L'inceneritore di Ca' Del Bue
L’inceneritore di Ca’ Del Bue a Verona.

La mozione di Michele Bertucco

Nel consiglio comunale di domani, giovedì 18 marzo, andrà al voto la mozione di cui è primo firmatario il consigliere di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco, che impegna il Sindaco e la Giunta comunale a chiedere alla Regione Veneto l’esclusione dell’inceneritore dell’impianto veronese di Cà del Bue dal Piano regionale dei rifiuti che è scaduto a fine 2020 e dovrà essere rinnovato.

«Tenendo conto delle dichiarazioni del Consigliere delegato di Agsm-Aim Quaglino, il quale nelle settimane scorse ha detto chiaramente che i forni veronesi non servono più, ma anche delle stesse dichiarazioni del presidente Agsm-Aim Casali del medesimo tenore, credo che da parte della maggioranza non ci dovrebbe essere alcuna titubanza nel votare a favore della proposta. Tra l’altro si anticipa un passaggio che l’amministrazione sarà comunque chiamata a fare: se i forni non sono più strategici bisogna chiedere di eliminarli riconvertendo questa parte dell’impianto» commenta Bertucco.

Il consigliere di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco
Il consigliere di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM