Bovolone, il Comune blocca gli aumenti della TARI

In un anno difficile per le famiglie e le attività economiche, causa Covid, il Comune di Bovolone ha deciso di bloccare l'aumento delle tariffe TA.RI., la tassa sui rifiuti. Una scelta dettata dalla volontà di non pesare sulle tasche dei contribuenti provati dalla pandemia e dalla crisi.

Municipio di Bovolone ballottaggio a bovolone
Municipio del Comune di Bovolone.

L’amministrazione ha deciso di attuare delle riduzioni, sia sulla parte fissa che variabile della TA.RI., per quelle attività che pagano le conseguenze delle chiusure forzate, con particolare attenzione per ristoranti, negozi al dettaglio e di servizi alla persona. Il minore introito della TA.RI. verrà coperto con la parte residuale del Fondo Funzioni Fondamentali 2020, le risorse del Fondo Covid 2021 definito dal decreto Sostegni Bis e anche grazie a risorse che il Comune ha messo da parte grazie ad un’accorta gestione del bilancio.

Le dichiarazioni del sindaco Emilietto Mirandola

«Il Comune ha l’obbligo di determinare le tariffe della TA.RI. assicurando la copertura integrale dei costi, così come rilevati dal piano economico finanziario redatto secondo i criteri fissati dalla Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), piano su cui né il comune né il gestore del servizio possono intervenire. – ha commentato il sindaco di Bovolone, Emilietto Mirandola – Inoltre le delibere dell’area hanno imposto una notevole differenziazione rispetto al passato nella codifica dei costi fissi e dei costi variabili, che aumentano drasticamente». 

«Tali fattori avrebbero determinato quest’anno un aumento di circa il 15% delle tariffe per le utenze domestiche e del 25% per le utenze non domestiche. – ha concluso il sindaco di Bovolone – La nostra amministrazione ha ben chiare le conseguenze delle sospensioni di attività imposte dal Covid che stanno determinando gravi criticità. Infatti, abbiamo deciso di fare il possibile per evitare i rincari, arrivando ad annullare in linea generale ogni aumento della TARI per le utenze domestiche».