Bosco Chiesanuova, ok a cabine elettorali in palestra

Ok della Prefettura alle cabine elettorali nella palestra delle scuole elementari e medie di Bosco Chiesanuova. Le lezioni si svolgeranno regolarmente senza far perdere agli studenti altre giornate di scuola.

È giunto in questi giorni l’ok della Prefettura per l’allestimento delle cabine elettorali nella palestra delle scuole elementari e medie di Bosco Chiesanuova in vista delle elezioni regionali del prossimo 20 e 21 settembre. Gli studenti potranno così continuare regolarmente la frequenza delle lezioni senza perdere altre giornate di scuola, a pochi giorni dal rientro sui banchi dopo i mesi di stop dovuti alle misure preventive contro il Coronavirus.

Saranno 278 gli studenti che proseguiranno regolarmente le lezioni, tra le scuole primarie e secondarie di primo grado di Bosco Chiesanuova e le scuole primarie e dell’infanzia di Corbiolo.

All’interno della palestra verranno infatti montate 4 stanze vere e proprie, realizzate in materiale ignifugo e totalmente a norma di legge, destinate a contenere i 4 seggi elettorali di Bosco. Entrata ed uscita dai seggi saranno separate e gli elettori potranno votare in completa sicurezza e con la totale garanzia della privacy. Per le giornate di voto la palestra sarà esclusivamente destinata ad uso elettorale e non vi sarà possibilità di contatto tra votanti e studenti.

Lo annuncia Claudio Melotti, sindaco di Bosco Chiesanuova e coordinatore provinciale di Forza Italia, candidato nella lista di Forza Italia, per le prossime regionali, a sostegno della candidatura a presidente di Luca Zaia.

«A Bosco abbiamo scelto di investire in scuole nuove, ampie e luminose. Le strutture scolastiche sono sempre state percepite da noi infatti come un investimento e non certo come un costo – sottolinea Melotti – e oggi ancora una volta abbiamo la conferma della bontà delle scelte fatte.  In questo modo i nostri studenti non solo si trovano a studiare in un ambiente confortevole, ampio, luminoso e a norma, ma non dovranno perdere nemmeno una singola ora di lezione in vista dell’appuntamento elettorale, cosa non secondaria considerato lo stop lungo mesi, dovuto alle misure adottate per prevenire la diffusione del Coronavirus».

Il polo scolastico di Bosco Chiesanuova è stato inaugurato nel 2017 e comprende le scuole primarie e secondarie di primo grado, con annessa palestra e piscina. La struttura, realizzata in circa 18 mesi a fronte di un investimento di quasi 4 milioni di euro,  è inoltre sede del più grande Istituto Comprensivo del Veneto a cui fanno riferimento 20 plessi scolastici, da Erbezzo a San Mauro di Saline.

L’edificio, realizzato con particolare attenzione alla qualità della vita degli studenti e degli insegnanti che permangono per ore all’interno, si distingue per la qualità dei materiali scelti per la realizzazione, per gli spazi ampi, per la luminosità e per le finestre, grandi e numerose, che permettono un continuo ricambio d’aria, requisito particolarmente significativo soprattutto oggi nella fase della ripartenza delle attività scolastiche.