Borgo Roma, Dilara: «Bel quartiere, molto vivibile»

Ai microfoni di Radio Adige TV è intervenuto Raimondo Dilara, Presidente della 5^ circoscrizione della città di Verona, per parlare del quartiere di Borgo Roma.

Raimondo Dilara, presidente della 5^ circoscrizione, dichiara: «Borgo Roma è un bel quartiere, dove sono molte le persone che decidono di ritornare a vivere, spesso anche dopo aver fatto altre esperienze fuori dal quartiere.»

Parlando di eventuali punti di forza e di debolezze di Borgo Roma commenta: «Il punto di forza principale è sicuramente la fiera, che porta introito sia per la città di Verona che per il quartiere, dal momento che porta molti posti di lavoro. Naturalmente la debolezza del quartiere è che con la fiera si intensifica anche il traffico».

Sulla questione del traffico e su come potrebbe essere risolto, Raimondo Dilara aggiunge: «Pochi giorni fa è stato inaugurato un parcheggio di 1000 posti auto, facilmente raggiungibile da chi arriva dall’autostrada e dalle tangenziali. Dal parcheggio partono le navette che portano in città e alla fiera».

Leggi anche Borgo Roma, la storia del quartiere in breve

Prosegue poi: «Questo contribuisce alla riduzione di traffico e smog, in particolare quando ci sono grandi eventi fieristici – ovviamente in questo periodo molto meno a causa del Covid dal momento che si è bloccata tutta l’attività».

«Borgo Roma è un quartiere sicuro anche perché continuiamo a fare segnalazioni dove ci sono dei punti critici nei quali bisogna tenere monitorata e controllata la zona».

Conclude poi Raimondo Dilara, Presidente della 5^ Circoscrizione della città di Verona: «Borgo Roma è un bel quartiere e molto vivibile. Essendo il presidente della circoscrizione cerco di capire tutti i giorni – facendo anche il giro e controllando la situazione – che sia tutto a posto. Ci sono anche attività commerciali, piccoli negozi, abbiamo dei centri grossi appena fuori dal quartiere, però tante attività piccole ci sono ancora e stanno resistendo – anche se naturalmente non è più come prima».