Bloccati in un vajo, soccorsi tre escursionisti sul Baldo

Sono stati recuperati ieri sera i tre escursionisti veronesi trovatisi in difficoltà sul Monte Baldo che, partiti da Due Pozze in direzione di Prada, all'incirca sotto il Rifugio Mondini avevano sbagliato a seguire il sentiero finendo bloccati tra gli alberi in un vajo.

Avventura a lieto fine per tre escursionisti, due uomini e una donna di 48, 50 e 60 anni, dispersi sui sentieri del Monte Baldo a San Zeno di Montagna. Le operazioni di ricerca sono partite alle 18.25 di ieri sera 18 dicembre, quando la sala operativa dei Vigili del Fuoco ha ricevuto una richiesta di soccorso attraverso il cellulare di uno dei malcapitati.

I pompieri di Bardolino e di Verona hanno raggiunto la zona compresa tra Malga Ortigare e Pozze, dove gli escursionisti, due veneti e un trentino, avevano dichiarato di essersi persi a causa della stanchezza e del sopraggiunto buio. Dopo circa un ora di ricerca i pompieri sono riusciti a individuare le tre persone e a stabilire un primo contatto vocale. I tre malcapitati perdendo l’orientamento avevano abbandonando il sentiero ed erano finiti tra la boscaglia.

Dopo aver camminato lungo un vaio e risalito un costone i vigili del fuoco, coadiuvati da personale del soccorso alpino giunto sul posto, sono riusciti a raggiungere i tre escursionisti. Uno di loro è stato imbragato per superare un tratto di neve ghiacciata, mentre gli altri due sono stati aiutati a percorrere il traverso fino a tornare sul sentiero e alla strada forestale, da dove il quad ha fatto la spola per riaccompagnarli al parcheggio. In via precauzionale è sopraggiunta un’ambulanza per verificare le loro condizioni. Le operazioni di soccorso e recupero si sono concluse alle 22.30.