Bisinella: «Il Chievo è stato colpito ingiustamente»

La candidata del partito "Fare!" di Flavio Tosi, Patrizia Bisinella, afferma «Sono tifosa fin dalle origini. Il Chievo è stato colpito ingiustamente, mentre altri club sono stati protetti dal sistema”

Patrizia Bisinella, Fare! Verona
Patrizia Bisinella, Fare! Verona
New call-to-action

Patrizia Bisinella, candidata al Consiglio comunale con Fare! Con Flavio Tosi, commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha congelato la decisione del Tar sull’esclusione dalla serie B del Chievo e lo svincolo d’ufficio dei calciatori di proprietà del club.

GUARDA IL SERVIZIO: Campedelli non molla: «Voglio rivedere il Chievo giocare»

Uno scenario che riapre i giochi per la società della Diga. Bisinella dice: «C’è soddisfazione per questa parziale vittoria della società Chievo calcio e del suo Presidente Campedelli. Soddisfazione e speranza, perché potrebbe essere la svolta. Da tifosa del Chievo fin dalle origini, mi auguro che al Chievo venga ridato ciò che ingiustamente gli è stato tolto, cioè il calcio professionistico e la serie B, con l’auspicio che poi il club ritorni in serie A, categoria che ha frequentato per 17 anni e che è la sua dimensione. Il Chievo è stata l’unica squadra colpita ingiustamente, a fronte di altre società che fanno ciò che vogliono essendo protette dal sistema e da determinati poteri. Plaudo alla caparbietà di Campedelli, che cerca solamente giustizia».