Berlusconi da Santoro lo scontro diventa show

ROMA – Era quasi prevedibile, e l’atteso scontro tra Santoro e Berlusoni, andato in scena nella puntata di "Serviziopubblico" del 10 gennaio 2013, si è trasformato in un grande show. Ascolti altissimi per La7 nella serata di ieri, share che probabilmente batteranno ampiamente anche quelli del prossimo Festival di Sanremo, che di solito lega al proprio marketing i dati d’ascolto in maniera quasi maniacale.

Partenza leggera con le prime domande del padrone di casa, che in alcuni tratti somigliavano quanto a Berlusconi era stato chiesto anche nella serata precedente (9 gennaio) a Porta a Porta, solo che questa volta, la situazione era più delicata. Fra i due protagonisti tante sottili battute che hanno alleggerito i contenuti e, come spesso succede, hanno spostato l’attenzione sull’attesa di uno scontro che non c’è stato (o quasi) allontanando l’interesse dal reale oggetto della trasmissione, ovvero portare alla luce la situazione traballante del nostro Paese. C’è stato tempo per rendersene conto nel servizio iniziale, che è servito da copertina, ma poi di fatto l’intera trasmissione si è trasformata in un’attesa, dove solo qualche frecciata comica ha alzato l’interesse.

A testimoniarlo i giornali che sono usciti oggi, tutti con i contenuti di "Servizio Pubblico" in prima pagina. E’ servito l’intervento, attesissimo, di Marco Travaglio per mettere la giusta dose di realismo alla trasmissione, ma come di consueto nonostante le gravi realtà che sono emerse, Berlusconi ha saputo ben dissimulare le preoccupazioni, con la lettera che ha letto dalla scrivania di Santoro nell’ultima parte della trasmissione e che ha accesso le reazioni del conduttore.

Ne esce un’Italia unita, solo per il fatto che ieri davanti alla tv c’erano proprio tutti, sia di qua che di là.
Chi si è messo all’ascolto a favore di uno o dell’altro è andato a letto ancora più convinto delle proprie idee. Poco è cambiato.

Come ha indicato con fermezza La Repubblica oggi: «quello di stasera poteva essere un incontro importante. Non lo è stato».

<link=’http://www.la7.it/serviziopubblico/pvideo-stream?id=i652024&refcntid=652016&reffrom=vid-correlati’ class=’_blank’>RIVEDI LA PUNTATA</link>

Matteo Bellamoli