Bando innovazione PMI, oltre 310 le domande

Il banco, che sostiene l'acquisto di servizi specialistici di consulenza per l'innovazione tecnologica, strategica ed organizzativa nelle PMI, ha raccolto 310 domande. Marcato: «Questi numeri un segnale di speranza».

roberto marcato def pmi ZES regioni
L’assessore regionale allo Sviluppo economico ed energia Roberto Marcato

«Grande risposta delle imprese al bando 1.1.2 del POR FESR 2014-2020 che sostiene l’acquisto di servizi specialistici di consulenza per l’innovazione tecnologica, strategica ed organizzativa nelle PMI, con una dotazione finanziaria di un milione di euro». Commenta così l’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato il primo dei tre bandi in programma in materia di innovazione tecnologica delle PMI. Complessivamente, le domande presentate sono state 310 con una richiesta di contributo che sfiora i 3 milioni di euro.

«Questi numeri sono un segnale di speranza, che indica come le imprese venete, pur nell’emergenza, restino attive e pronte a ripartire – sottolinea Marcato – la Regione sta facendo un grande lavoro di coordinamento, raccogliendo quotidianamente le istanze che giungono dalle categorie economiche per farci portavoce con il Governo dal quale, però, deve arrivare un segnale forte. Servono misure importanti a sostegno dell’economia di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, che sono, lo ricordo, i motori dell’economia nazionale. Sono necessari provvedimenti che immettano liquidità per mettere in grado le imprese di ripartire una volta che sarà finita l’emergenza».

Per il citato bando, che sostiene l’acquisto di servizi specialistici di consulenza per l’innovazione tecnologica, strategica ed organizzativa nelle PMI, finanziando con contributo in conto capitale dal 30% al 50% della spesa sostenuta, complessivamente sono stati stanziati 3 milioni di euro suddivisi in 3 sportelli. Quello che prevedeva la presentazione delle domande il 16 marzo, era il primo e metteva a disposizione un milione di euro.

Il prossimo sportello si aprirà il 30 giugno con il periodo di compilazione della domanda tra il 5 maggio ed il 25 giugno 2020. Vi potranno partecipare anche le imprese che nel primo sportello sono risultate non ammissibili o non finanziabili per carenza di fondi e imprese ammesse al primo sportello ma che presentano domanda per un servizio diverso.

Per maggiori informazioni consultare il sito della Regione Veneto www.regione.veneto.it alla voce “bandi”.