Badanti con il vaccino russo e senza Green Pass, l’appello dei sindacati

I sindacati dei pensionati veneti lanciano l'allarme in vista del 15 ottobre: la preoccupazione riguarda le badanti vaccinate con il vaccino russo Sputnik, non riconosciuto dall'Italia e che quindi non permette alle lavoratrici di ottenere il Green Pass.

Anziani badante badanti test Covid-19

Vaccinate per il loro paese d’origine, ma non per il nostro: è quanto succede a migliaia di badanti, soprattutto est europee, immunizzate con lo Sputnik, il vaccino russo che non è riconosciuto da nessuna agenzia del farmaco. «Dal 15 ottobre queste assistenti famigliari si troveranno in una situazione difficile: non possono avere il Green Pass, quindi non possono lavorare a meno di fare continuamente tamponi, ma a spese di chi? Sarà il caos: in Veneto parliamo di migliaia di lavoratrici, e quindi di migliaia di non autosufficienti, soprattutto anziani, che rischiano di rimanere senza aiuto», lanciano l’allarme Elena Di Gregorio, Tina Cupani e Debora Rocco, segretarie generali dei sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil del Veneto.

LEGGI LE ULTIME NEWS

A livello nazionale mancano ancora delle indicazioni certe su come gestire la situazione dei lavoratori vaccinati con lo Sputnik: si parla di Green Pass temporaneo o della somministrazione di un’altra dose eterologa con Pfizer o Moderna, ma il tempo ormai è agli sgoccioli.

«Chiediamo alla Regione di farsi portavoce del problema e fare pressioni sul Ministero della Salute e su Aifa, affinché diano delle linee guida quanto prima», sollecitano le segretarie generali, che aggiungono: «A questo problema si aggiunge anche quello della diffidenza nei confronti dei vaccini in generale da parte di molte altre badanti, sempre est europee e non ancora vaccinate: anche per loro la data del 15 ottobre è una sorta di ultimatum. Nei loro confronti va fatta una campagna di informazione e sensibilizzazioneNon possiamo permetterci altre situazioni di rischio per i tanti anziani non autosufficienti».

Perché i numeri sono elevati, nonostante il lavoro domestico sia notoriamente caratterizzato da una grande irregolarità, che la pandemia ha fatto emergere solo in parte: uno studio della Bocconi pre Covid aveva calcolato che in Veneto ci sono 75mila assistenti famigliari (contrattualizzate e in nero), il 71% straniere e si può stimare che oltre 50mila provengono proprio da paesi dell’Europa dell’Est.

Sul fronte delle vaccinazioni le segretarie di Spi, Fnp e Uilp esprimono preoccupazione per l’effettivo successo delle campagne della terza dose anti Covid per gli over 80, in corso, e dell’antinfluenzale che è alle porte. Preoccupazione che nasce dalle notizie che arrivano di poche prenotazioni fra i grandi anziani, e della frustrazione dei medici di base e dei farmacisti che non vedono ancora delineato in modo preciso il loro ruolo. «È necessario che la programmazione sia organica e coerente con le necessità dell’utenza», concludono Di Gregorio, Cupani e Rocco, «in questo contesto chiediamo ancora una volta alla Regione dare quanto prima agli operatori e ai cittadini la cornice di riferimento».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM