Azzurro Donna Verona, le donne che rilanciano la cultura e il turismo

Si è svolto lunedì il convegno del movimento Azzurro Donna Verona. Oggetto dell'incontro, il rilancio del binomio cultura-turismo come opportunità di sviluppo per l'imprenditoria femminile.

Azzurro Donna Verona
Il convegno di Azzurro Donna Verona di lunedì

Azzurro Donna Verona, le donne che rilanciano la cultura e il turismo

Arriva dal convegno di Azzurro Donna Verona, che si è tenuto lunedì, il monito a rilanciare il binomio cultura-turismo. Proprio quest’ultimo, infatti, secondo il movimento, deve tornare a rappresentare un’opportunità per lo sviluppo economico di Verona e per l’imprenditoria femminile.

L’intervento di Paola Boscaini

Tanti i temi trattati nel corso del primo incontro in presenza, dopo la pandemia, del movimento femminile interno al partito di Forza Italia. L’evento era organizzato dalla coordinatrice di Azzurro Donna per Verona e Provincia, Paola Boscaini.

«Azzurro Donna è un movimento che prima di tutto ascolta il territorio. Lo ha fatto nel sostenere la candidatura a sindaco di Flavio Tosi. Lo fa anche ora nel porre l’attenzione sulle carenze di un sistema cultura che non è in grado di far crescere la Città e che ignora le donne. Abbiamo però virtuosi esempi cittadini di imprenditoria femminile, come Palazzo Maffei Casa Museo, valorizzato anche dal lavoro del Vicepresidente e Direttrice della Fondazione, Vanessa Carlon». Queste le parole di Boscaini. Concorde sul coraggio, l’intraprendenza e il senso di responsabilità delle donna, in politica come in azienda, anche il saluto di Layla Marangoni, coordinatrice regionale di Azzurro Donna.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Le parole di Claudio Melotti

I tempi sono cambiati e le competenze delle donne possono giocare un ruolo chiave nell’accelerare il percorso di cambiamento di enti e imprese. Ne è convinto il coordinatore provinciale di Forza Italia Claudio Melotti.

«Un quinto delle imprese veronesi è a guida rosa, secondo i recenti dati della Camera di Commercio. Inoltre, i fondi del PNRR possono rappresentare un significativo volano per l’imprenditoria femminile che, da sempre, si contraddistingue per uno scarso accesso al credito. Ma perché ciò accada, bisogna riportare in Comune a Verona la concretezza del fare. Siamo convinti possa riuscirci, senza ulteriori tempi morti o di apprendistato, solo Flavio Tosi».

Bozza: «Il nostro percorso con Tosi non va contro nessuno, ma incontro ai veronesi»

Il consigliere regionale di Forza Italia Alberto Bozza ha invece acceso i riflettori su un particolare settore, quello degli eventi sportivi. Ha fatto infatti l’esempio delle maratone in grado di portare sul territorio veronese 25-30mila visitatori. Secondo Bozza, questi ultimi poi «scoprono le bellezze culturali, paesaggistiche, culinarie. Se poi si trovano bene, ritornano negli anni seguenti a Verona portando indotto ad alberghi, ristoranti e locali, musei. Il percorso che stiamo facendo, a supporto di Flavio Tosi, non va contro nessuno ma incontro ai veronesi. Ciò avviene anche grazie alle dimostrate capacità progettuali e imprenditoriali che la classe dirigente, gli uomini e le donne di Forza Italia hanno sempre dimostrato».

I tre asset strategici per Verona: Fondazione Arena, VeronaFiere e Aeroporto Catullo

La triangolazione tra turismo, cultura e indotto economico avviene inoltre quando i tre asset fondamentali di Verona (Fondazione Arena, VeronaFiere e Aeroporto Catullo) funzionano a dovere. «È solo la cultura di qualità che crea indotto generando un turismo di qualità. Sono la stagione lirica e i grandi concerti. Sono le grandi mostre. E oltre a un programma culturale ricco, vario e di qualità ci vuole un aeroporto all’altezza. Quest’ultimo deve essere collegato ai principali hub europei e un ente Fiera che non regga su di una sola manifestazione. Verona era una città di relazione. Deve quindi tornare a esserlo per le persone moderate che vogliono vedere persone con ideali, con progetti, che hanno un lavoro e non si mantengono con le careghe».

Presente anche l’Onorevole Catia Polidori

Presenza molto attesa, l’Onorevole Catia Polidori, coordinatrice nazionale di Azzurro Donna, ha parlato a lungo del coraggio che hanno mostrato le donne di Forza Italia. Sono infatti oltre trecento le donne attive nel movimento Azzurro Donna che si sono fatte portavoce delle istanze del mondo femminile.

«Le donne, quando scelgono, arrivano a fare la qualunque. Forza Italia è rimasto l’unico partito presente in Parlamento ad avere un movimento femminile. Oggi le aziende con 15 o più dipendenti devono presentare, a fine anno, una relazione che dimostri le pari opportunità garantite alle donne in termini di carriera e reddito. Altrimenti non potranno accedere ai fondi del PNRR. Bene, noi abbiamo proposto diverso tempo prima una premialità a queste imprese, consistente in uno sgravio fiscale sui dipendenti. Nelle città dove il lavoro per le donne c’è, i fondi sono importanti per i servizi a supporto del lavoro delle donne: asili, scuole, sport. Le donne sono le prime a scuole e all’università, sono preparate e coraggiose. Possibile che non ci sia la volontà di considerare, ad esempio, la flessibilità oraria un’opportunità che non inficia il lavoro femminile?», ha affermato Polidori.

Intervenuto anche il candidato sindaco Flavio Tosi

È intervenuto al convegno anche il candidato a Sindaco di Verona, Flavio Tosi. Tosi ha rimarcato il suo debito d’onore con FI, dichiarandosi onorato della fiducia in lui riposta da questo partito. Si è poi soffermato sull’importanza di vari asset che vanno sostenuti e rilanciati a Verona. Ha infine ribadito l’importanza di fare sistema tra le diverse componenti pubbliche e private del comparto turistico. Tosi ha inoltre rimarcato la necessità di avere una città sicura e pulita, elementi essenziali per una Verona attrattiva.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv