Avventore molesto attacca gli agenti: era il rapinatore di piazza Cittadella

Ieri sera in zona San Zeno un l'avventore molesto di un bar ha reagito con violenza all'intervento dei poliziotti intervenuti per calmarlo. L’uomo era stato arrestato per rapina a Verona appena 8 giorni fa.

Polizia San Zeno
New call-to-action

Ha minacciato di distruggere un bar dopo che la titolare si era rifiutata di servirgli alcolici, poi ha litigato con un altro avventore e si è scagliato contro i poliziotti intervenuti per calmarlo. L’atteggiamento aggressivo dell’uomo, visibilmente alterato dall’abuso di bevande alcoliche, è proseguito anche all’interno dell’auto di servizio, dove il malvivente ha ripetutamente colpito la portiera posteriore e il divisorio in plexiglas, danneggiandoli.

LEGGI ANCHE: Camion di bestiame si rovescia in A4, animali morti o in fuga

È accaduto ieri sera a Verona, poco dopo le 20, quando gli agenti delle Volanti sono intervenuti nei pressi di un bar in piazza Corrubbio, nel quartiere San Zeno, a seguito della segnalazione di un avventore estremamente molesto.

A finire in manette con l’accusa di resistenza, violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato è stato un 50enne, irregolare sul territorio nazionale e già gravato da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, contro la persona e in materia di stupefacenti.

LEGGI ANCHE: Belfiore: auto finisce in un fossato. Ferite due persone

Appena lo scorso lunedì, il 50enne era stato arrestato dagli agenti delle Volanti per rapina al supermercato Aldi di piazza Cittadella, insieme ad altri due uomini, a seguito della quale il giudice aveva disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Al termine degli accertamenti, il 50enne è stato arrestato per resistenza, violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato e denunciato per rifiuto di indicazioni sull’identità personale e porto di armi od oggetti atti ad offendere, essendo stato trovato in possesso di un coltellino multiuso.

Questa mattina, il giudice ha convalidato l’arresto e disposto nei confronti dell’uomo la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

LEGGI ANCHE: A San Bonifacio il primo “parto cesareo dolce”