AV/AC, il CIPE approva il progetto del secondo lotto vicentino

Giovedì è stato approvato il progetto preliminare del secondo lotto funzionale dell’“Attraversamento di Vicenza” della linea ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità sulla tratta Verona-Padova.

Il CIPE ha approvato giovedì il progetto preliminare del secondo lotto funzionale dell’Attraversamento di Vicenza della linea ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità sulla tratta Verona-Padova.

Lo annuncia la vicepresidente e assessore alle infrastrutture e trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti, che ha partecipato in videoconferenza alla seduta del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica che ha dato il via libera al progetto che definisce l’ingresso da ovest e l’attraversamento del territorio della città di Vicenza della linea dell’Alta Velocità, in affiancamento alla linea storica: un’opera che costa circa 850 milioni di euro, dei quali 150 già finanziati.

«Si chiude così un iter che nel corso degli anni ha avuto uno sviluppo procedurale e progettuale complesso – sottolinea De Berti – e aggiungiamo un altro importante tassello al pieno e funzionale completamento della nuova linea AV/AC Torino-Milano-Venezia, infrastruttura ferroviaria che la nostra Regione considera strategica, fondamentale per migliorare la mobilità del territorio, in quanto assicura una significativa riduzione dei tempi di percorrenza, l’alleggerimento della rete ordinaria e l’incremento della qualità e dell’affidabilità del servizio offerto».

«Auspichiamo – prosegue la vicepresidente – che il Governo reperisca celermente i 700 milioni di euro mancanti, per poter proseguire rapidamente con le successive fasi di progettazione e realizzazione dell’opera».

Leggi anche: A4, Tav, infrastrutture: il punto dell’assessora De Berti

In estrema sintesi, il progetto preliminare, che interessa territorialmente i Comuni di Altavilla Vicentina, Creazzo, Sovizzo, Torri di Quartesolo e Vicenza, contempla la realizzazione dei seguenti principali interventi:

  • tratto di nuova linea AV/AC fino alla stazione centrale di Vicenza;
  • interventi sulla linea storica al fine di consentire l’affiancamento della linea A/AC;
  • realizzazione della nuova fermata Fiera;
  • interventi nell’ambito della stazione centrale di Vicenza;
  • nuova linea di trasporto pubblico locale, con bus elettrici, dalla nuova fermata Fiera fino alla località Camisano (circa 12 km);
  • interventi di riassetto della viabilità che garantiscono un accesso rapido alla stazione da ovest e da est;
  • interventi idraulici tra cui la cassa di espansione sul torrente Onte

Leggi anche: TAV, Zanini: «Con l’alta velocità più opportunità per il Veneto»