Ztl e disabili, pass unico in tutto il Veneto

Una rivoluzione di inizio anno quella tenuta a battesimo oggi dal Governatore regionale Luca Zaia:” Iniziativa unica in Italia”. Il vicesindaco Zanotto:”

I 115 mila disabili veneti che hanno diritto al passblu si potranno muovere con tranquillità in tutte le zone a traffico limitato del Veneto. Il nuovo permesso ztl è infatti unico per il territorio regionale. Rilasciato dai singoli Comuni, consentirà l’accesso a tutti i centri cittadini. L’iniziativa dal nome che lascia pochi dubbi (‘Zetatielle Network’) è stata presentata oggi a Palazzo Balbi e sarà operativa fin da subito nei 23 Comuni che hanno zone a ridotto flusso veicolare. Un primato veneto, questa iniziativa, che toglie una barriera tra le tante quotidiane che ogni giorno le persone con disabilità devono affrontare.

Il pass unico nasce dalla collaborazione tra amministrazioni comunali, in particolare dei Comuni Capoluogo, e delle associazioni dei disabili. Oltre all’aspetto sociale se ne aggiunge anche uno economico. Ogni anno vengono effettuati circa 10 milioni di controlli tramite varchi Ztl. Le circa 250.000 contravvenzioni sanzionano però anche cittadini disabili provenienti da altri comuni. Il costo complessivo a carico di tutte le amministrazioni del territorio per la gestione dei ricorsi è di circa 500.000 euro. Con il sistema implementato si potrà, facendo un rapido controllo sul database condiviso, evitare di multare chi ha tutto il diritto di entrare nelle zone a traffico limitato. Ma non finisce qui. Il progetto, a regime, avrà lineamenti più ampi e andrà sotto il nome di ViviVeneto, un’app sintesi di tutti i servizi regionali, nel segno dell'”antiburocrazia”.

“È un grande segno di civiltà e di efficienza amministrativa – ha spiegato il vicesindaco di Verona Luca Zanotto – che va a tutto vantaggio dei nostri concittadini, cui è garantita la serenità di accedere alle Ztl senza doversi preoccupare di possibili sanzioni. Ovviamente, questo non significa un aumento di traffico o di auto nella nostra Ztl, perché già oggi le persone con disabilità hanno diritto ad accedere. Non ci saranno auto in più, ma solo la semplificazione del sistema. Il progetto, infatti, sancisce che possano goderne senza preoccuparsi di adempimenti burocratici aggiuntivi, e questo è uno straordinario passo in avanti. I nostri uffici gestiscono l’accesso alla Ztl del centro storico sia per i possessori di pass disabili residenti a Verona sia in provincia. Siamo già pronti, quindi, a condividere i nostri dati completi e a inserirli nel nuovo data base regionale garantendo, fin da subito, un miglioramento del servizio e una migliore qualità della vita a nostri concittadini che ne hanno diritto”.

Guarda il servizio: