Verona Expo Network, insieme per una città più sicura

A fronte del fenomeno crescente dei furti in casa, la sicurezza è stato il tema centrale del primo appuntamento dei dieci tavoli tematici dei quali si è fatto promotore  VeronaExpo Network che per l’occasione ha dato la parola ai referenti dei gruppi territoriali. All’incontro è stata annunciata la costituzione dell’associazione “Verona Più Sicura”.

“Vogliamo difenderci a vicenda, tra vicini di casa, in una situazione in cui le istituzioni a volte vengono a mancare. Anche per questo motivo abbiamo deciso di costituirci in una associazione no profit, “Verona più Sicura”, che possa dare garanzie effettive a tutti i membri e che presenteremo nei prossimi giorni non appena l’iter burocratico si sarà concluso. Con “Verona più sicura” non parleremo solo di furti, ma anche di ambiente, traffico, qualsiasi cosa possa rendere più difficile la nostra vita e la nostra quotidianità.”

Con queste parole Andrea Massimo Cavestro, amministratore del gruppo “Valpantena Più Sicura” ha presentato, oggi, ai soci del Network territoriale la costituzione dell’associazione “Verona più Sicura”.

L’incontro con focus tematico sulla sicurezza, si è tenuto in tarda mattinata, presso la sede dell’associazione in Via Evangelista Torricelli 37 a Verona, ed è stato il primo appuntamento dei dieci in calendario, a cadenza mensile finalizzati a condividere idee, progetti, iniziative di carattere generale e/o ispirate a macrotemi generali proposti dalla Carta di Verona, il documento presentato ufficialmente da VeronaExpo il 18 giugno 2015 in Cascina Triulza durante l’Esposizione Universale.

Un tavolo di concertazione, quello promosso dall’ente scaligero, che ha visto protagonisti i rappresentati dei gruppi territoriali che si sono uniti per far fronte al problema della sicurezza: il sopraccitato Andrea Massimo Cavestro di “Valpantena più sicura”, Alessandra Zantedeschi di “Borgo Venezia più sicura”, Alexandro Todeschini di “Furti in Valpolicella” e Elena Mosconi di “Oci Verti”. Trovare una formula associativa coordinata, raccogliere le istanze, le proposte del territorio e dei cittadini di tutta la provincia veronese; queste alcune delle ragioni che hanno spinto VeronaExpo Network a organizzare il dibattito. All’interno del quale è stata annunciata l’imminente costituzione dell’ associazione “Verona più Sicura” che garantirà tutele legali e convenzioni di vario titolo per tutti gli associati.

“La logica di network che ci appartiene profondamente, non può sottrarsi alle criticità del territorio. Proprio in quanto rete territoriale abbiamo il dovere di farci aggregatori oltre che di opportunità anche di soluzioni” ha spiegato Matteo Scolari, presidente di VeronaExpo Network.

L’ente si è fatto, inoltre, promotore di un Project work in collaborazione con IUSVE (Istituto Universitario Salesiano di Venezia) per articolare le richieste e i suggerimenti dei cittadini scaligeri su una piattaforma digitale, favorendo l’aggregazione e lo scambio con la creazione di gruppi Facebook tematici. Il primo ad essere inaugurato sarà “VeronaNetwork| Sicurezza” seguirà quello con focus specifico sul credito e l’impresa “VeronaNetwork|Economia& Risparmio”.

Guarda le videointerviste con le dichiarazioni di tutti i rappresentanti dei gruppi locali che hanno partecipato all’incontro.