Testa: «PMI, l’innovazione imprescindibile per la crescita»

New call-to-action

Innovazione e Tecnologia protagoniste oggi al tavolo di concertazione ideato da VeronaNetwork, presso la sede dell’Ordine degli Ingegneri di Verona: tra gli interventi quello di Federico Testa, che ha discusso dell’importanza dell’innovazione soprattutto per le PMI italiane.

Si è tenuto questa mattina nella sede dell’Ordine degli Ingegneri di Verona il terzo appuntamento della rassegna annuale di Verona Network dal titolo “Innovazione e Tecnologia. Reti, Network, Startup e tecnologie digitali”.

Ad aprire questo tavolo di concertazione è stata Dèsirèe Zucchi, responsabile degli speaker di TEDx Verona, che ha raccontato i numeri impressionati di questa edizione dell’esclusiva conferenza: TEDx Verona sta infatti avendo un grandissimo seguito sui vari social, con 5379 follower su Twitter e oltre 90.000 visite sul canale di Youtube. D’altra parte, gli speaker di questa edizione sono di un certo calibro e anche loro va il merito di aver esaurito gli 800 posti disponibili in pochissimi giorni: sul palco della Gran Guardia il 24 aprile sfileranno infatti, tra gli altri, Mauro Bergamasco, Giovanni Andrea Prodi, Domitilla Ferrari, Linda Avesani e Francesco Sauro.

Ha preso la parola anche Riccardo Bertagnoli, presidente dell’associazione Verona FabLab, un’”officina condivisa” in cui nascono idee e connessioni tra il mondo dell’istruzione e quello delle imprese. Bertagnoli ha presentato anche l’annuale edizione di Roboval, la fiera dedicata alla robotica organizzata da Verona FabLab che quest’anno compie un salto di qualità non indifferente: verrà infatti ospitata all’interno di Model Expo, prima fiera dedicata alla modellistica sul suolo italiano.

Fulcro dell’evento è stato però l’intervento del Prof. Federico Testa, neo presidente dell’Enea, agenzia nazionale per la ricerca negli ambiti delle nuove tecnologie, delle energie e dello sviluppo sostenibile, che ha discusso dell’importanza dell’innovazione soprattutto per il tessuto imprenditoriale italiano: «L’innovazione è necessaria per essere competitivi: sembra banale ma in Italia è un concetto che va sempre ripetuto. Il vero problema è trovare il sistema per far passare l’innovazione dai laboratori alle imprese.  – ha spiegato Testa – Se non riusciamo a lavorare in maniera sinergica con le aziende ci riempiamo la bocca di ricerca ma l’innovazione si arresta alle stanze della ricerca. ENEA, consapevole della realtà italiana che vanta un tessuto economico per il 93%  costituito da PMI, è impegnata proprio in questo; rendere immediato l’accesso alle conoscenze tecnologiche per permettere un trasferimento di conoscenze, centrali per lo sviluppo e la crescita».

«L’efficienza energetica è la vera miniera dell’occupazione per il futuro ed è a dimensione delle piccole e medie imprese. In questo senso un soggetto spesso trascurato è la Pubblica Amministrazione che a livello di efficienza ha ancora tanto da fare. Dalla cultura tecnologica e dalla sua diffusione è necessario partire per costruire scenari di sviluppo e per rafforzare le filiere italiane».

Ha concluso l’evento Fabio Venturi, presidente di AGSM, che ha colto l’occasione per presentare il nuovo logo di AGSM: «il simbolo rappresenta la sostenibilità energetica ma anche la tecnologia, da sempre capisaldi della nostra azienda, che negli ultimi anni è cresciuta moltissimo. Ad oggi l’AGSM ha 1 miliardo di fatturato, conta oltre 1500 dipendenti  e abbiamo appena emesso 24 bandi per posti di lavoro a tempo indeterminato».

Il presidente di AGSM ha anche introdotto il progetto di Smart City in cantiere per i prossimi anni: «L’innovazione per noi è imprescindibile: uno dei progetti di cui andiamo più fieri, infatti, è quello della “Smart City”,  che vuole introdurre tanti strumenti per rendere la nostra città ancora più tecnologica e “green”».