Previsioni per giugno: nuvole parlanti in arrivo!

Sbarca in città la Sagra dei Fumetti, per la prima volta a Verona dopo tre edizioni svoltesi al castello scaligero di Villafranca. Due giorni in cui saranno celebrati fumetti, cartoon, videogame e cosplay, con tanti eventi musicali e la voglia di far diventare Verona uno dei capoluoghi italiani delle fiere di settore.

Che giugno sia un mese speciale è innegabile. Finiscono le scuole, spesso ci sono eventi sportivi da vivere in compagnia e ormai l’estate è alle porte. Quest’anno a Verona ci sarà un motivo in più per amarlo: arriva infatti la Sagra dei Fumetti, l’11 e 12 giugno in Vallo Bastione San Procolo.

Forse il nome “sagra” può sembrare riduttivo, ma ha un significato ben preciso. A spiegarcelo è Simone Bazzanella, organizzatore assieme ad Andrea Lucchi e Stefania Marino Gambazza: «Sagra è voler festeggiare qualcosa che viene adorato per tutto l’anno, come ad esempio i prodotti dell’agricoltura». Ovviamente a venire celebrati non sono grano, orzo e patate, ma i prodotti della cosiddetta “cultura nerd“: fumetti, cartoon, videogame e il sempre più praticato cosplay, cioè il travestimento a tema.

L’evento, nato quattro anni fa, mira a coniugare l’atmosfera del festival del fumetto e quella dell’Oktoberfest. L’attenzione a creare un contesto a tema aveva spinto gli organizzatori a scegliere come location il castello scaligero di Villafranca, lasciato quest’anno a malincuore per una forte voglia di far crescere la manifestazione. Proprio questo desiderio ha spinto l’organizzazione ad entrare in collaborazione con il Lucca Comics & Games, il maggiore evento di settore in Italia.

Dunque, per le strade della sagra si troverà di tutto: dal workshop con la Scuola del Fumetto di Milano al Cosplay Village, dagli spazi di esibizione degli autori a all’Artist Alley, e tanto altro ancora. Senza tralasciare gli eventi musicali con Cristina D’Avena, Gemboy e, come grandiosa anteprima d’apertura dell’evento al venerdì sera, Elio e Le Storie Tese.

Conclude Simone: «Il nostro obiettivo per quest’anno è quello di entrare ufficialmente nelle fiere di importanza nazionale per il settore. Sulla carta i presupposti ci sono tutti e ne siamo orgogliosi, dopo solo 4 anni e senza avere alle spalle grosse produzioni».

Aggiornamenti e informazioni sull’evento: lasagradeifumetti.it

C’è anche Sio!

Tra i tanti autori presenti ci sarà anche il veronese Sio, al secolo Simone Albrigi, divenuto famoso grazie alle strisce Scottecs. L’ultimo suo lavoro, con il consueto senso dell’umorismo nonsense, è Johnnyfer Jaypegg e il tesoro degli alieni commestibili, un fumetto-game in cui il lettore può interagire scegliendo cosa far fare ai protagonisti.