Dopo l’oro olimpico, il premio “Cangrande della Scala” a Elia Viviani

Oggi, nella Sala Rossa della Provincia,  il presidente Antonio Pastorello e il vicepresidente Andrea Sardelli e il sindaco di Oppeano Pietro Luigi Giaretta  hanno ricevuto il campione olimpico, Elia Viviani, per la cerimonia di consegna del “Cangrande della Scala”.

Il “Cangrande della Scala” è la più alta onorificenza della Provincia e viene conferita a personalità di spicco che si sono imposte per l’alto valore delle proprie imprese. Il ciclista veronese, vincitore della medaglia d’oro a Rio, ha portato ai massimi livelli lo sport veronese. Alla cerimonia era presente anche Gianluca Liber, presidente provinciale della Federazione ciclistica.

«Con lui, l’orgoglio sportivo veronese alle stelle. Come uomo e come atleta è esempio di tenacia» con queste parole il presidente della Provincia, Antonio Pastorello ha consegnato il riconoscimento all’atleta originario di Vallese di Oppeano nella tarda mattinata di oggi, presso la Sala Rossa della Provincia.

«La medaglia d’oro vinta nel velodromo olimpico di Rio è motivo di vanto per tutti noi – ha continuato Pastorello –  e porta l’orgoglio sportivo veronese alle stelle. Quella di Viviani è una medaglia conquistata passo dopo passo, da un ragazzo ha iniziato a cimentarsi in pista al velodromo San Lorenzo di Pescantina ed cresciuto gradualmente negli anni grazie all’ottimo lavoro svolto con le società sportive scaligere che da sempre, con passione, promuovono lo sport delle due ruote tra i nostri giovani.  Oggi più che mai, questo sport ci ha regalato una lezione di vita. Viviani deve essere un esempio per tutti i nostri ragazzi: lui è cresciuto pedalata dopo pedalata, con impegno e abnegazione, sino a conquistare il traguardo che si era prefissato».