“Maledette Suffragette”, la storia dell’emancipazione femminile in scena

Venerdì 25 novembre, giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, il Polo Zanotto dell’università di Verona ospita la rappresentazione di “Maledette Suffragette. Storie, canti e immagini della lotta per l’emancipazione delle donne.” di e con Gian Antonio Stella.

L’emancipazione femminile, il voto alle donne, le lotte femministe. Narrate con la delicatezza delle parole di Gian Antonio Stella e accompagnate dalle musiche delicate di Gualtiero Bertelli. In occasione della Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne, il 25 novembre l’Università di Verona ospita lo spettacolo “Maledette Suffragette. Storie, canti e immagini della lotta per l’emancipazione delle donne.”, di e con Gian Antonio Stella e la Compagnia delle Acque.

Lo spettacolo, che avrà inizio alle 21.00 nell’aula T3 del Polo Zanotto è inserito nel programma di iniziative promosso dall’Assessorato Pari Opportunità del Comune di Verona per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne ed è promosso dal Comitato unico di Garanzia dell’Università di Verona in collaborazione con l’associazione Isolina e.

Era il 25 novembre 1960 quando le tre sorelle Mirabal furono assassinate nella Repubblica Domenicana, punite per il loro tentativo di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo. È in loro onore che, nel 1999, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha reso istituzionale questa giornata invitando governi, organizzazioni e media a sensibilizzare la società sulla violenza di genere.

Un fenomeno che oggi più che mai deve essere discusso, analizzato, approfondito. Secondo uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanità, il 35 per cento delle donne ha subito violenza fisica o sessuale e, dato ancora più allarmante, il 70 per cento di queste l’ha subita per opera del proprio partner.

Appuntamento, dunque, il 25 novembre alle 21 con le storie di chi negli ultimi decenni ha lottato per combattere questo fenomeno.