Fabio Venturi:”Borgo Roma non è il bronx”

Venturi di Generazione Verona: “Borgo Roma non è il bronx, lo abbiamo sempre pensato e detto. E orgogliosamente lo difenderemo sempre. È un quartiere che è tornato a splendere ma che rischia di tornare indietro se non si presta un’attenzione particolare e costante”.

Il coordinatore del gruppo Generazione Verona, assieme ai consiglieri di Quinta circoscrizione, Samuele Deguidi e Giorgio Pizzighella, tonra a parlare dopo mesi di silenzio e punta l’accento sulla necessità di agire in modalità preventiva e non solo repressiva con una rosa di proposte nel quartiere che l’ha visto presidente di Circoscrizione per anni: “Il commissariato di polizia non deve chiudere, deve essere potenziato con nuovi uomini, devono tornare i bravissimi poliziotti di quartiere, deve avere più servizi per i cittadini, un ufficio denunce con un orario più ampio; oggi il commissariato è nel limbo, spesso svuotato per carenza di uomini in Questura e con il rischio di chiusura ogni mese; però “la coperta è corta per tutti”, dunque servono più uomini per la Questura di Verona e alcuni vanno poi spostati in Borgo Roma, la Delegazione di Verona Sud della Polizia Municipale deve essere potenziata perché troppo spesso i suoi uomini vengono dirottati in altre zone della città o per servizi straordinari, vanificando il lavoro di prevenzione e controllo quotidiano del territorio – spiega Fabio Venturi e aggiunge – Borgo Roma deve tornare a vivere, devono tornare ed essere progettati grandi eventi culturali, sportivi, del tempo libero, perché per noi la sicurezza è innanzitutto un quartiere vivo”.