Emergenza cinghiali: le Regioni fanno appello al Governo

branco_cinghiali_caccia pericolo

Le Regioni non hanno sufficienti strumenti normativi per affrontare l’emergenza. Oggi a Bari incontro tra gli assessori alle politiche agricole di tutta Italia

Le Regioni hanno alzato bandiera bianca. Di fronte al crescendo di danni provocati alle culture agricole, ai frequenti incidenti e al pericolo per la pubblica incolumità, dovuta al proliferare di animali selvatici, in particolare cinghiali, gli assessori alle politiche agricole delle Regioni italiane hanno fatto appello al Governo affinché venga adottato un piano “specifico e urgente” per affrontare su scala nazionale un problema che sembra ormai fuori controllo.

Presente oggi a Bari al tavolo della Commissione politiche agricole delle Regioni e delle Province Autonome anche l’assessore regionale del Veneto Giuseppe Pan.

La Commissione ha affrontato il delicato tema, non più rinviabile, dell’emergenza fauna selvatica, che non si limita più ai danni causati alle colture agricole, ma che ormai si è trasformata in una problematica di sicurezza pubblica.

“Il proliferare delle popolazioni di alcune specie, in particolare del cinghiale, rappresenta un pericolo concreto per l’incolumità pubblica e, in molti casi, ha avuto risvolti drammatici in altre aree della penisola – ha spiegato l’assessore del Veneto – Le Regioni e le Province autonome hanno più volte sollecitato il Governo su questa tematica, ma ad oggi non hanno ottenuto risposte. Eppure, è in gioco la pubblica incolumità, con il rischio di ulteriori perdite di vite umane”.

“Non disponendo di strumenti normativi idonei per affrontare l’emergenza – ha concluso l’assessore veneto – le Regioni hanno chiesto al Governo l’adozione di uno strumento specifico ed urgente che, tenuto conto dell’eccezionalità della situazione, permetta di affrontare la questione con misure adeguate”.