Elezioni comunali, il 9 giugno ballottaggio per 3 comuni veronesi

La partita delle elezioni comunali ancora non può dirsi conclusa per i comuni veronesi di Negrar, Pescantina e San Bonifacio, per i quali si tornerà alle urne il prossimo 9 giugno.

Tra i 49 comuni della provincia scaligera in cui si è votato il 26 maggio, solo quattro infatti superano – secondo l’ultimo censimento – i 15mila abitanti. Per ottenere la vittoria i candidati sindaco avrebbero dovuto superare la soglia del 50% dei consensi per essere eletti. In caso contrario, scatta il ballottaggio.

A San Bonifacio il sindaco uscente Giampaolo Provoli si scontrerà con Emanuele Ferrarese. Provoli ha raccolto domenica 4.901 (47.17%) voti, ma Ferrarese conta di raccogliere al secondo turno più dei 4.040 voti presi al primo turno. «Siamo onorati e orgogliosi del consenso che ci avete riservato e vi esortiamo e invitiamo a riconfermare il vostro voto fra 15 giorni al ballottaggio del 9 giugno – si legge sulla pagina Facebook Giampaolo Provoli Sindaco – La strada è ancora in salita, ma forti del vostro aiuto tutti noi della coalizione confidiamo ancora nel vostro sostegno».

Ballottagggio anche a Pescantina, tra il sindaco uscente Luigi Cadura e il suo principale avversario Davide Quarella. Il primo cittadino dovrà rimontare lo svantaggio di 1.548 voti rispetto allo sfidante, che con il 47.06% del primo turno ha sfiorato la vittoria.

Secondo turno in salita anche per il sindaco uscente di Negrar Roberto Grison che dovrà ripartire dalle 4.464 preferenze di domenica scorsa per riprendere Marco Andreoli, che ha mancato la vittoria per uno 0.43%.