Educazione stradale, oltre 14.000 studenti coinvolti

Durante l’anno la Polizia Municipale ha portato avanti l’iniziativa dedicata all’educazione stradale nelle scuole: 536 agenti impiegati per coinvolgere 688 classi, dalla scuola dell’infanzia fino agli ultimi anni delle superiori.

Successo per l’iniziativa della Polizia Municipale dedicata all’educazione stradale nelle scuole: sono oltre 14.000 gli studenti complessivamente coinvolti, grazie all’impegno dei 536 agenti coinvolti in oltre 750 ore di attività didattica. Durante tutto l’anno scolastico, da settembre fino a giugno, sono state coinvolte nel progetto circa 688 classi, dalle scuole dell’infanzia fino agli ultimi anni delle superiori.

«Sono numeri esplosivi per quanto riguarda l’attività d’aula dedicata a bambini e ragazzi – commenta il Comandante Luigi Altamura – ai quali si devono aggiungere le attività svolte in centri anziani, parrocchie, assemblee per genitori e molte altre occasioni che hanno l’intento di coinvolgere anche gli adulti, visto che sono ormai loro i soggetti più a rischio.

I dati degli incidenti stradali dimostrano infatti che si è alzata l’età media delle vittime da incidente stradale. Giovani o giovanissimi hanno compreso i rischi dei comportamenti pericolosi, probabilmente grazie anche alle numerose campagne ed interventi degli ultimi anni. Meno forse i loro genitori o le persone più anziane sono i veri soggetti a rischio dei tempi moderni. Oltre all’attività didattica nelle scuole, dove illustriamo regole di circolazione e consigli salva-pelle adatti all’età dei ragazzi – conclude Altamura – durante l’anno abbiamo partecipato o organizzato 27 appuntamenti esterni, con un’adesione molto alta»

Si tratta, ad esempio, della festa dei bambini al centro Don Calabria, della fiera della bicicletta Cosmobike e di Job&Orienta, della Baby Cup Princy e delle attività per il campionato europeo di Bmx, del progetto Young&Road della Presidenza del Consiglio dei Ministri o della collaborazione con Telethon.

«Molto significativa – dice ancora Altamura – anche la festa finale dell’educazione stradale di piazza Bra dello scorso 19 maggio, che nemmeno la forte pioggia è riuscita a far naufragare. Oltre al mio nucleo di collaboratori molto motivato e professionale, devo ringraziare i partner che ci affiancano in queste attività ed Atv in particolare, che quest’anno ha sostenuto la nostra iniziativa permettendo ai bambini di raggiungere piazza Bra utilizzando i mezzi pubblici, unendo anche un importante messaggio sulla mobilità urbana».