Donne e diritto lavoro: l’assemblea delle delegate CGIL di Verona

Mercoledì 9 novembre l’assemblea provinciale delle delegate CGIL di Verona affronterà il tema “Donne, diritto al lavoro e contrattazione”. Tra Jobs Act e conciliazione tra famiglia e lavoro si andrà a fotografare una situazione che in Italia è ancora problematica, come illustrano i dati OCSE.

Si terrà mercoledì 9 novembre, dalle 14.30 alle 18.00 all’Hotel San Marco (via Longhena 42), l’assemblea provinciale delle delegate CGIL di Verona, dedicata al tema “Donne, diritto al lavoro e contrattazione”.

A introdurre e coordinare l’evento sarà Mariapia Mazzasette, segretaria provinciale CGIL, che spiega: «L’Italia è il terz’ultimo Paese OCSE, davanti a Turchia e Messico, per livello di partecipazione femminile nel mercato del lavoro: 51% contro una media OCSE del 65%. Meno del 30% dei bambini al di sotto dei tre anni usufruisce dei servizi all’infanzia e il 33% circa delle donne italiane lavora part-time per conciliare lavoro e responsabilità familiari (la media OCSE è 24%)».

La parola passerà poi a Donata Gottardi, docente di Diritto al Lavoro dell’università di Verona, per il suo intervento “Le donne nel Jobs Act: quanto conta la conciliazione vita-lavoro”, mentre ad approfondire il tema “Strumenti e ruolo del Patronato per l’utilizzo dei congedi parentali” sarà Anna Bilato, Coordinatrice regionale del Patronato INCA CGIL.

Seguiranno l’intervento di Paola Poli, consigliera alle Pari Opportunità della Provincia di Verona, e le testimonianze di alcune delegate.

La partecipazione è aperta a tutte le delegate e i delegati della CGIL di Verona.