Cultura e giovani: un anno con progetto Gutenberg

Il 2016 ha visto nascere a Sona un’interessante iniziativa: Progetto Gutenberg. Finanziato dall’amministrazione, il bando, che ha coinvolto 10 giovani volontari (tra i 18 e 30 anni) ad attivarsi e creare servizi, eventi e iniziative culturali, ha avuto al centro la Biblioteca di Sona e l’intento di stimolare la cosiddetta «cittadinanza attiva». Giovedì 22 dicembre il momento conclusivo di quest’edizione 2016 del progetto: «Merry Gutenberg» serata di musica e condivisione in biblioteca a partire dalle 20:30, aperta ai giovani e non solo.

di Anna Girardi

In controtendenza rispetto alle indagini internazionali (dati OECD, Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo economico), che vedono l’Italia come il paese europeo con la più alta presenza di Neet, ovvero i giovani che non studiano e non lavorano, è nato a Sona il Progetto Gutenberg: un’iniziativa per promuovere la cittadinanza attiva, per coinvolgere i ragazzi nelle attività del territorio e stimolarli a riappropriarsi di alcuni spazi, come la rinnovata Biblioteca, per creare momenti di aggregazione e approfondimento culturale. «La grande originalità del progetto, e la sua forza rivoluzionaria, risiedono nel fatto che non si tratta di affidare a dei giovani volontari la realizzazione di attività preconfezionate e organizzate “dall’alto”, ma di lasciare loro la massima libertà di ideare, progettare e portare a compimento quelle iniziative che loro desiderano, che nascono dai loro interessi, e ai quali vorrebbero partecipare: in questo modo loro si sentono protagonisti, e coinvolgono i loro coetanei a partecipare, offrendo qualcosa di sicuro gradimento» ci racconta Mattia Leoni, giovane consigliere comunale di Sona con delega alle politiche giovanili.

LA STORIA. Il progetto nasce all’inizio di quest’anno, quando lo stesso Mattia Leoni, con l’appoggio dall’assessore Simone Caltagirone e dell’amministrazione comunale, propone un bando di “volontariato 2.0” per 10 ragazzi tra i 18 e i 30 anni, con il fine di sviluppare iniziative, incontri ed eventi che si rivolgano a loro coetanei, in modo da far sentire i giovani sempre più coinvolti nel loro paese. I 10 selezionati seguono così un corso di formazione su comunicazione, organizzazione di eventi, gestione di spazi pubblici e servizio bibliotecario, in modo da poter avere una base di competenze da poter investire nel progetto. «La vera sorpresa» ci dice Mattia Leoni «è stato scoprire che a Sona esistevano tanti ragazzi con così tanti interessi e competenze, e davvero eterogenei: dal cinema, alla musica, all’arte, alla pedagogia». Nascono così gruppi di lavoro sulla base degli interessi comuni, che cominciano a sviluppare alcune idee. Il 24 aprile 2016, l’inaugurazione ufficiale con l’evento «Gutenberg Spritz» vede la partecipazione di oltre 130 persone, soprattutto giovani, che “riscoprono” la loro biblioteca.

Al centro di tutto il progetto, fin dagli inizi, c’è la biblioteca: uno spazio prima poco sfruttato, che veniva vissuto con distacco. Un luogo che oggi crea aggregazione, e fa da sfondo alle iniziative, tutte con un intento culturale: per tutte si parte dai libri, (spesso dai libri che si possono effettivamente trovare in Biblioteca a Sona), e da essi deriva anche il nome del progetto: Gutenberg, come l’inventore della stampa a caratteri mobili.

 

LE INIZIATIVE. Tantissimi gli eventi e le iniziative proposte lungo il 2016, nate dagli interessi dei ragazzi e legate dal fil rouge della cultura e del libro: ecco allora le aperture straordinarie della biblioteca di Sona, che per tre volte a settimana è accessibile anche dalle 20:30 alle 23, grazie ai giovani volontari. Per offrire un luogo di studio, ma anche semplicemente per potersi incontrare e leggere un libro o sfogliare una rivista (o per giocare a giochi da tavolo, come nelle serate dedicate a «Games of biblio»). Sempre in biblioteca, le letture animate per bambini, abbinate a laboratori creativi, ma anche «Arabian atelier» ovvero la lettura animata del classico Le mille e una notte, che accompagna il laboratorio di acquerello creativo. Grazie al bando wiki, poi, è stato possibile creare le serate di cineforum «Wikifilm», con proiezioni delle migliori pellicole tratte da libri, e la creazione di un punto di bookcrossing itinerante, formato da una struttura creata da un (giovane) artigiano, che è stata posizionata in tanti eventi sul territorio come MAG Festival e Sona Food &Wine, oltre ai 40 punti di bookcrossing istituiti in tutto il paese, con più di tremila libri donati alla biblioteca. Poi concerti, art sharing, fumetti in biblioteca, serate di briscola in biblioteca… Un’offerta di momenti di incontro e servizi che ha raccolto e sta raccogliendo sempre più consensi e partecipazione, e che ha riavvicinato i ragazzi al loro paese, e, perché no, alle istituzioni. Come afferma Mattia Leoni: «Il mio ruolo, spesso, è stato semplicemente quello di incoraggiare i ragazzi a presentarsi in comune e chiedere agli uffici preposti le autorizzazioni per le diverse iniziative: l’amministrazione era sentita come lontana, per questo mi sono impegnato affinché passasse il messaggio che è un loro diritto, come è un diritto di tutti i cittadini, riappropriarsi dei luoghi pubblici del proprio paese, che sono li per essere riempiti e “abitati”. Anche questo, per me, è uno dei significati di “cittadinanza attiva”».

PROSSIMI APPUNTAMENTI.  Giovedì 22 dicembre, a partire dalle 20:30, i Gutenberg vi aspettano a «Merry Gutenberg», serata di musica, arte e poesia con Francesco Ceriani, DJ All Nylon e i dolci natalizi di Clo’ Art Room, sempre alla Biblioteca di Sona. Potete trovare tutte le informazioni sulla pagina facebook «Biblioteca di Sona» anch’essa gestita, in modo davvero fresco e innovativo, dai giovani volontari.

Il 2017 vedrà, all’inizio dell’anno, un convegno di presentazione del «modello Gutenberg» alle realtà istituzionali dei paesi vicini, in modo che esso si possa espandere, creando una rete di reciproco sostegno e ispirazione. Il bando poi sarà riproposto nell’edizione 2017, e vi potranno partecipare i giovani residenti a Sona tra i 18 e i 30 anni, con le stesse modalità della passata edizione.

Per info: Pagina Facebook Biblioteca di Sona