Crescita, presto il decreto. Conte: “Occorre avere fiducia”

«La drammatica perdita di fiducia in noi stessi e negli altri frena lo slancio verso il futuro. Mina il funzionamento dei mercati e accresce oltre misura i costi di transazione». Sono le parole del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Festival dell’Economia civile in corso a Firenze. Tuttavia, ha aggiunto: «Le riforme già varate non sono nulla rispetto a quello che ancora faremo».

La parola fiducia sembra il leitmotiv dell’esperienza di governo di Conte, espressa in più riprese nel corso delle dichiarazioni rilasciate alla stampa. «Ma forse le maggiori energie fisiche e mentali le ho spese in questa mia esperienza di governo per ricostruire la fiducia tra le persone, tra cittadini e istituzioni» ha detto ai giornalisti. Sul fronte banche, incalzato dia giornalisti, ha invitato alla cautela: «Non mi sembra ci siano i presupposti per parlare di attacco alle banche… Conserviamoci tutti lucidi» è stato il suo invito mentre lasciava Palazzo Vecchio.

«Sicuramente adesso dobbiamo varare e licenziare al più presto- ha aggiunto – il decreto per i truffati delle banche. Lo abbiamo detto. C’è solo qualche aspetto tecnico ma sicuramente
domani vedo anche il ministro Tria». Sul decreto crescita, il presidente del Consiglio smentisce ci sia un Consiglio dei Ministri domani. «Domani non è previsto il Consiglio dei ministri, lo fisseremo ovviamente in settimana e porteremo il decreto crescita» ha precisato.