Casa di Giulietta, oggi approvato il progetto del nuovo museo. Sboarina: “Data storica”

Un nuovo percorso museale per la Casa di Giuletta. È il tema principale della conferenza stampa durante la quale il sindaco Federico Sboarina insieme alla giunta al completo ha annunciato questa mattina l’approvazione del progetto della Mox Corporation, l’appaltatrice che dopo tre revisioni ha convinto l’amministrazione scaligera.

“Grazie al nuovo accordo con la Mox, il Comune si troverà un nuovo importante spazio  museale, completamente riqualificato – ha detto Sboarina – il Comune resta cioè proprietario della Casa di Giulietta e del nuovo museo, oltre che del brand che ci fa conoscere in tutto il mondo.”

La ristrutturazione della casa e del cortile di Giulietta inizierà a breve, e nell’arco di un anno e mezzo si terrà l’inaugurazione del nuovo sito. “Stiamo scrivendo la Storia di Verona” ha detto il primo cittadino, senza risparmiare stoccate alle “precedenti amministrazioni” che non hanno concluso nulla. il Comune resti titolare del brand e che la Casa di Giulietta abbia un nuovo percorso museale, inserito nel più ampio sistema dei musei civici cittadini.

Il progetto prevede un nuovo ingresso dall’ex palazzina Armani, circa 800 metri quadrati su tre piani, per un percorso circolare a senso unico che vedrà i visitatori salire al quarto piano della palazzina e scendere dalla Casa di Giulietta fino al Cortile.

Niente cambi di proprietà del brand e niente project financing – ha detto il primo cittadino. Confermato il pagamento del ticket ( 3 euro per il cortile, 10 euro per la visita completa del museo con guida multimediale) per un ricavo utile stimato prudenzialmente di 1 milione 200 mila euro.

I lavori strutturali, compresa la parte tecnologica, saranno finanziati interamente da Mox. Il costo complessivo dell’operazione, a carico dell’azienda è di circa 5 milioni 400 mila euro, con un aumento del 20 per cento rispetto alla vecchia cifra.

Saranno allestite due sale polifunzionali, una per l’iniziativa Sposami a Verona e una per attività culturali legate al museo. Sarà installato inoltre un ascensore per consentire ai disabili l’accesso a tutto il percorso museale.

Non nasconde la soddisfazione l’inquilino di Palazzo Barbieri: “in 19 mesi abbiamo fatto quello che non è stato fatto negli ultimi 10 anni, lavorando senza sosta dal giorno dell’insediamento, confrontandoci con tutti i soggetti interessati, fino ad arrivare alla proposta di oggi – ha detto Sboarina – “Tra poco più di un anno la città  avrà una Casa di Giulietta completamente nuova, un museo all’altezza delle aspettative e del livello culturale e turistico di una città come Verona.”

Ripercorre l’ultimo anno di trattative con Mox Corporation, l’assessore Francesca Briani : “Abbiamo lavorato per un progetto che, pur mantenendo il valore storico della Casa di Giulietta, ne rinnovasse i contenuti, per una nuova visione degli spazi e un concetto emozionale di visita. Non a caso il balcone di Giulietta lo si raggiunge alla fine del percorso, una scelta pensata per valorizzare ulteriormente l’elemento simbolo di questo luogo, oltre che per renderlo ancora più memorabile ai turisti.”  Quanto ai tempi, per l’assessore Briani “i prossimi mesi saranno dedicati a definire nei dettagli la concessione di servizi, poi la manifestazione di interesse, quindi il passaggio in Consiglio comunale e a giugno l’avvio del cantiere”.

L’assessore al Patrimonio Edi Maria Neri ha parlato di “un’operazione che vanta non solo un ampio confronto e collaborazione tra diversi settori comunali, ma anche una procedura corretta dal punto di vista della trasparenza”.