Black friday, consigli per l’uso

blackfriday

Il Black friday è alle porte. Il venerdì nero delle offerte speciali si terrà in Italia venerdì 24 novembre ma alcune proposte sono già disponibili

«Lo shopping a portata di click – evidenzia Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Veronarichiede delle accortezze. Innanzitutto se si vogliono fare degli acquisti per Natale è preferibile effettuarli su piattaforme in grado di far fronte a grandi richieste per evitare che i prodotti arrivino in ritardo. Questa scelta consente anche di non trovare brutte sorprese nel caso ci sia la necessità di cambiare la merce e, per questo motivo, è bene controllare le modalità di restituzione e il servizio post vendita. Inoltre, consigliamo di controllare le recensioni di altri utenti a partire da quelle negative. Se i commenti sono molto esigui, tutti positivi e scritti alla stessa maniera, potrebbero essere opera di un algoritmo».

Adiconsum Verona mette in guardia anche sull’entità degli sconti, per cui è bene fare confronti con altri siti. Nel caso di prezzi molto ribassati, bisogna considerare che i siti di e-commerce possono comprare grandi quantità di merce e quindi applicare ottimi sconti, ma è opportuno diffidare da prodotti di marca a cifre irrisorie. Di solito non sono offerte reali.

E’ sempre opportuno pagare con carta di credito o PayPal per essere certi di ottenere la restituzione dei soldi, in caso si verifichi qualche problema. Non è consigliabile effettuare bonifici né utilizzare carte prepagate.

«Bisogna ricordare – aggiunge Cecchinato – un’importante novità entrata in vigore lo scorso anno: ossia la piattaforma Odr (Online Dispute Resolution). Si tratta di uno sportello unico online, voluto dalla Commissione europea, per comporre le vertenze insorte tra consumatore e impresa a causa di un acquisto on line. L’accesso al sito della piattaforma Odr è ottimizzato per tutti i dispositivi mobili (smartphone e tablet) ed è multilingue. Tramite la piattaforma il consumatore può presentare un reclamo, per un acquisto effettuato su internet, compilando l’apposito modulo. Il reclamo viene inoltrato agli organismi di risoluzione alternativa della controversia (Adr). La procedura si deve concludere in 90 giorni.

Per quanto riguarda gli acquisti tradizionali, invece, valgono le stesse regole del periodo dei saldi: 1) verificare l’entità dello sconto rispetto al prezzo originale che deve essere indicato; 2) la possibilità di pagare con carte di debito e di credito; 3) la possibilità di chiedere il cambio della merce in caso di difetto di conformità, mentre il semplice cambio per motivi estetici o personali, che esulano dalle norme sulla garanzia, è a discrezione del commerciante. Meglio pertanto prendere accordi sulla possibilità di sostituzione prima dell’acquisto.