Arriva per le scuole il progetto “In acqua per crescere” 

Prende il via in questi giorni, per l’undicesimo anno consecutivo, il progetto “In acqua per crescere”, promosso dall’Ufficio scolastico territoriale di Verona in collaborazione con il Comune, per promuovere l’attività ludico-motoria in acqua tra alunni normodotati e diversamente abili.

L’iniziativa, che coinvolge 20 scuole del Comune di Verona (elementari e medie), è stata illustrata questa mattina a palazzo Barbieri dall’assessore allo Sport Alberto Bozza; presente anche la coordinatrice dell’Ufficio Educazione Fisica dell’Ufficio Scolastico di Verona, Angela Capuzzo.
“Un progetto cresciuto nel corso degli anni – ha detto Bozza – sia nel numero di studenti coinvolti sia nell’ offerta didattica. Promuovere lo sport tra i bambini più piccoli è sicuramente tra i progetti sociali più belli, ancor più se serve ad integrare e includere alunni con capacità diverse”.
L’iniziativa, interamente gratuita, prevede 5 incontri nelle 7 piscine comunali in cui gli alunni avranno la possibilità di vivere esperienze e momenti in cui accrescere la propria autonomia e lo sviluppo di capacità ludico-motorie in acqua.