Amnesty International: «Il Congresso delle Famiglie è ostile ai diritti umani»

In merito alla kermesse iniziata oggi in Gran Guardia e prevista fino a domenica, Amnesty International Italia parla di «programma, obiettivi e relatori coinvolti caratterizzano chiaramente l’incontro di Verona come un evento ostile ai diritti umani, in particolare ai diritti sessuali e riproduttivi e ai diritti delle persone Lgbti; un evento che non dovrebbe essere sostenuto da alcuna istituzione governativa, cui piuttosto spetta il dovere di garantire i diritti di tutte le persone».

Amnesty International Italia sarà presente a Verona con le sue attiviste e i suoi attivisti «per ribadire che sui diritti non si torna indietro e che tutte le persone hanno il diritto di prendere decisioni sulla propria salute, sul proprio corpo, sulla propria sessualità e sulla propria vita riproduttiva senza paura, coercizione, violenza o discriminazione». Domani Amnesty International Italia parteciperà al corteo e ad alcune iniziative della società civile, tra cui un convegno – in programma dalle 9 alle 13 presso l’Accademia dell’agricoltura, Lettere e scienze, via del Leoncino 6 – organizzato dall’International Planned Parenthood Federation European Network e Unione degli atei e degli agnostici razionalisti in collaborazione con Rebel Network e con una vasta rete di associazioni e movimenti, cui interverranno attiviste per i diritti umani provenienti da altri paesi.