Ama Verona, l’incontro in Capitolare per i professionisti

Una platea precisa, composta da commercialisti, avvocati e “tecnici”, quella che giovedì 28 febbraio ha partecipato all’incontro in Biblioteca Capitolare promosso dall’associazione politico-culturale Ama Verona.

Riforma fiscale, quota 100 i temi sul tavolo, affrontati con un relatore d’eccezione, Enrico Zanetti, ex vice ministro dell’Economia nel Governo Renzi. “Nel prossimo triennio 2019-2021 la pressione fiscale aumenterà di quasi 13 miliardi“. Un’analisi tecnica, la sua, sullo stato dell’arte del regime fiscale che, per i recenti cambiamenti normativi premia, secondo l’esperto, solamente le partite Iva singole e lascia in balia delle difficoltà tutta la galassia delle imprese. Zanetti ha, inoltre, espresso perplessità sul modello del reddito di cittadinanza che:”in qualche modo ci troveremo a pagare tutti”.

Sulle problematiche del regime forfettario, in parte toccate dall’ex vice ministro, si è soffermato anche Michele Masin, commercialista e revisore contabile di Verona. Nel merito della controversa quota 100 e, più in generale del rivoluzionato sistema pensionistico, è entrato invece il consulente aziendale Marco Ferro.

Quella offerta dall’incontro (accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati per un credito formativo) è stata un’occasione di confronto e di aggiornamento critico sui temi roventi e urgenti del comparto imprenditoriale.

Non scontata la location dell’evento scelta proprio per lanciare un messaggio, e una neppure troppo velata stilettata all’amministrazione Sboarina che, secondo il segretario di Ama Verona Zeno Pescarin, dimentica le sue gemme storiche come la Biblioteca Capitolare. “L’incontro è il primo di una lunga serie ed è anche la prova della vitalità dell’associazione Ama Verona che intende proseguire il suo percorso” spiega Pescarin. Nata due anni fa per sostenere la candidatura a sindaco di Patrizia Bisinella, Ama Verona, dopo la composizione della nuova lista civica Fare Verona, non interrompe il suo incedere.