Alternanza scuola-lavoro, online il portale delle aziende

È operativo il portale che raccoglie le offerte delle imprese disposte a portare avanti progetti di alternanza scuola-lavoro. Uno strumento utile per gli oltre 30mila studenti delle scuole superiori di Verona e provincia che dovranno svolgere un periodo di stage in azienda.

AAA Alternanza scuola-lavoro, imprese cercasi. E’ operativo il portale che raccoglie le offerte delle imprese disposte a portare avanti progetti di alternanza: www.scuolalavoro.registroimprese.it

Nato con la riforma della “La buona scuola” del Governo Renzi (Legge 107/2015), il sistema dell’alternanza scuola-lavoro prevede che la scuola offra la formazione di base mentre la formazione specifica la fornisca il soggetto ospitante. Questo si può iscrivere gratuitamente al portale, ente pubblico, associazione, libero professionista o azienda che sia, in modo da rendere immediatamente pubblica e consultabile la propria candidatura.

Al momento hanno aderito solo Comuni ed enti e soggetti no-profit, 37 in tutto. La Camera di Commercio sta stilando in queste settimane convezioni ad hoc con gli ordini professionali.

«La costituzione del Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro nelle Camere di Commercio rappresenta uno strumento di raccordo per facilitare l’incontro tra datori di lavoro ed istituzione scolastiche. La Camera di Commercio, ancora a dicembre  –  spiega il presidente dell’ente, Giuseppe Riello – ha firmato un protocollo d’intesa con l’Ufficio Provinciale Scolastico perché i 30mila studenti delle superiori scaligere obbligati al tirocinio trovino collocazione anche nelle imprese del territorio. Per motivi tecnici, il Registro è stato messo on line solo poche settimane fa. Fino ad ora numerose imprese hanno avuto contatti diretti con le scuole o con gli studenti stessi. Del resto l’obiettivo è quello di ridurre al minimo gli adempimenti amministrativi a carico delle imprese. Ora però, le imprese possono contare su uno strumento agevole, rapido e gratis per dare la propria disponibilità. Contiamo su un’adesione importante. Gli studenti di oggi saranno i lavoratori di domani, è fondamentale che si rendano conto di che realtà li aspetta, una volta usciti dalla scuola. Grazie all’esperienza in azienda durante, la scelta dell’Università o del lavoro sarà facilitata e più adeguata alla reali attitudini dei giovani. Il che, poi, garantisce risorse umane più in linea con le esigenze delle aziende. Sfrutteremo quindi i nostri canali associativi per sensibilizzare le imprese invitandole ad iscriversi».

L’esperienza in azienda dura dalle 200 alle 400 ore, negli ultimi tre anni,  a seconda della tipologia di istituto superiore: 200 per i licei, 400 per gli istituti tecnici. Le aziende potenzialmente interessate ad ospitare gli studenti veronesi sono tutte quelle che abbiano almeno un dipendente, circa 73mila imprese, anche se l’inserimento in una struttura organizzata più articolata sarebbe più efficace.

«Il portale è operativo da qualche settimana – spiega il dirigente della Camera di Commercio di Verona che segue il tema alternanza scuola-lavoro, Pietro Scola – nel frattempo abbiamo provveduto a raccogliere le candidature nei mesi scorsi. Sono 37 ed iniziamo ad inserirle in questi giorni. Si tratta di numerosi Comuni, cooperative e associazioni no profit, il Comando Provinciale dei Vigili del fuoco e naturalmente, la Camera di Commercio. Soggetti che per attività svolta sono particolarmente orientati all’accoglienza e che si sono rivolti direttamente a noi, chiedendo informazioni su come candidarsi. Ora che la candidatura è proponibile direttamente on line, ci auguriamo che anche le imprese seguano il loro esempio. In questo processo risultano un passo più avanti i liberi professionisti: dopo alcune riunioni informative con la Consulta delle Professioni che ospitiamo, numerosi ordini si sono resi disponibili. Già a settembre inizieremo a raccogliere le adesioni».

Per poter accogliere studenti, le imprese possono iscriversi gratuitamente sul portale del Registro dell’alternanza scuola lavoro, www.scuolalavoro.registroimprese.it da dove le scuole e gli studenti potranno individuare direttamente gli enti o le imprese di loro interesse.

COS’E’ L’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

L’istituzione scolastica o formativa con la collaborazione del tutor esterno designato dalla struttura ospitante valuta il percorso di alternanza effettuato e provvede a certificare le competenze acquisite dagli studenti nel percorso.

Le competenze acquisite costituiscono credito sia ai fini della prosecuzione del percorso scolastico o formativo per il conseguimento del diploma o della qualifica, sia per gli eventuali passaggi tra i sistemi ivi compresa l’eventuale transizione nei percorsi di apprendistato. Al termine del percorso, quindi, vengono rilasciati attestati di frequenza, certificati di competenze e crediti.

I percorsi formativi di alternanza scuola lavoro sono resi possibili dalle istituzioni scolastiche, sulla base di apposite convezioni stipulate con imprese, enti e professionisti  che sono disposti a ospitare lo studente per il periodo dell’apprendimento. Affinché si realizzi una convenzione, l’istituzione scolastica si impegna a fare un’attenta e accurata valutazione del territorio in cui va ad inserirsi. Dopo questa fase di studio, le scuole individuano le realtà produttive con le quali poter avviare collaborazioni concrete: queste assumeranno sia la forma di accordi ad ampio raggio, a valenza pluriennale, sia di convenzioni operative per la concreta realizzazione dei percorsi.

I percorsi di alternanza possono svolgersi anche all’estero, oppure, durante la sospensione delle attività didattiche o con la modalità dell’impresa formativa simulata.