Attacco hacker in ospedale: riaccese le macchine e aperte le casse

Concluse le operazioni necessarie per la messa in sicurezza e il recupero di tutti i backup. Prosegue la progressiva messa a regime. Centro prelievi aperto agli esterni da lunedì.

AOUI Verona attacco hacker
Persone in coda alle casse dell'AOUI Verona

Dalle ore 12 di ieri il sistema informatico dell’Azienda ospedaliera è stato riacceso perché si sono concluse, come previsto, le operazioni necessarie per la messa in sicurezza e il recupero di tutti i backup, dopo l’attacco hacker avvenuto alle 22.30 di domenica 22 ottobre.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Casse

È stata una delle prime azioni di ripristino messe in campo perché attiene al principale canale per l’utenza esterna. Infatti, mentre i reparti di cura e gli ambulatori hanno sempre funzionato in modalità emergenziale con procedure cartacee, gli sportelli multifunzionali di Borgo Trento e Borgo Roma erano chiusi da lunedì. Le prenotazioni e i pagamenti alle casse sono ripartiti ieri alle 14, dopo aver completato la configurazione delle stampanti. Attivo anche il ritiro referti. 

Istruzioni anticoda

Prevedibile, dopo due giorni e mezzo di chiusura, un incremento dell’utenza rispetto al normale flusso, per questo sono state approntati due canali aggiuntivi in via eccezionale per i pagamenti. I pazienti che hanno ricevuto prestazioni da lunedì 23 a ieri potranno evitare di tornare in cassa e mandare semplicemente una mail a cassa.ocm@aovr.veneto.it per Borgo Trento e ufficio.cassa.op@aovr.veneto.it per Borgo Roma. Andrà specificato il nome del paziente (se diverso da chi scrive), allegata la carta d’identità del paziente e si riceveranno le istruzioni per il pagamento.

LEGGI ANCHE: Omicidio di Villafranca, il presunto responsabile si costituisce

Laboratorio Analisi e Call center/Cup

Il Centro prelievi sarà attivo dalle ore 7 di lunedì, 30 ottobre. Anche il call center per le prenotazioni telefoniche al Cup non sarà attivo domani perché si trova fuori dal perimento aziendale e richiede procedure aggiuntive di riavvio del sistema. 

Messa a regime

Dall’avvio di ieri, e con la distribuzione delle ottomila nuove password, è partita anche la dettagliata e progressiva operazione di messa a regime di tutti gli applicativi e delle singole funzioni. Questa operazione richiederà ancora alcuni giorni ma non è bloccante per l’erogazione dei servizi sanitari. In ogni caso, il ripristino totale del sistema richiede fasi successive legate alla sicurezza ed è subordinato alle indicazioni della Polizia Postale, con la quale Aoui è in contatto fin dalla notte di domenica quando si è verificato l’attacco. 

LEGGI E GUARDA ANCHE: Dentro al nuovo sottopasso di via Città di Nimes a Verona