Attacco alla stazione di Kramatorsk, MSF: «Siamo inorriditi»

Il team di Medici Senza Frontiere che sta operando in Ucraina esprime sconcerto dopo l'attacco alla stazione di Kramatorsk, dove solo il giorno prima erano partiti con un convoglio di ucraini feriti.

Medici Senza frontiere treno Ucraina pazienti
Il treno adibito a clinica d’urgenza per il trasferimento di pazienti ucraini

Medici Senza Frontiere esprime sconcerto per l’attacco alla stazione ferroviaria di Kramatorsk. Proprio giovedì era partito da quella stazione il treno di MSF adibito a clinica d’urgenza che in tre diversi viaggi dal 5 al 7 aprile aveva trasferito 57 pazienti gravi ma stabili in ospedali lontani dalla linea del fronte – 17 a Dnipro, 39 a Leopoli, 1 a Kiev. 

«Sono inorridito dalle notizie dell’attacco di oggi alla stazione ferroviaria di Kramatorsk. Eravamo lì soltanto venerdì, e abbiamo visto centinaia di persone accalcate che cercavano di andarsene. Gli ospedali ci avevano chiamato per evacuare urgentemente i loro pazienti con il treno MSF adattato a clinica d’urgenza. La maggior parte di loro proveniva da Sievierodonetsk e da altre città della regione di Luhansk. Abbiamo fatto appena in tempo con questo treno, e adesso ci domandiamo se saremo in grado di poter evacuare altre persone» dichiara Christopher Stokes, coordinatore dell’emergenza MSF in Ucraina. 

«Il treno che è partito aveva a bordo pazienti anziani, persone che stavano negli ospedali e non potevano muoversi. Molti di loro con problemi di salute e ferite provocate dalle esplosioni o dal crollo degli edifici. La maggior parte con storie devastanti» ha detto Stig Walravens, medico MSF in Ucraina

Solo pochi giorni fa, MSF aveva iniziato a evacuare i primi pazienti su questo treno speciale per trasferirli da un ospedale di Zaporizhzhia ai principali ospedali di riferimento, in modo che potessero ricevere cure specializzate lontano dalla linea del fronte.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv