Assemblea CNA Veneto, Zaia: «In arrivo soluzioni al caro bollette»

Convocato un tavolo tecnico nei prossimi giorni per cercare di arginare l'aumento dei prezzi che, in tutto il Veneto, sta fiaccando famiglie e imprese. Secondo il presidente la situazione è paradossale: «PIL a +6% ma i costi sono troppo alti e si va in rosso»

Assemblea CNA Veneto con Zaia

«Un intervento sui costi energetici per famiglie e imprese va fatto con urgenza. Se le imprese sono costrette a ricorrere alla cassa integrazione perché non ce la fanno, i lavoratori riceveranno meno del loro stipendio e inevitabilmente perderanno potere d’acquisto. Va evitato a tutti i costi». E’ il commento del presidente Zaia, intervenendo nei giorni scorsi all’Assemblea annuale della CNA Veneto.

«Siamo in una situazione che ha anche del paradossale – ha detto il Governatore – perché da un lato il sistema produttivo veneto ancora regge, le commesse sono aumentate e le proiezioni sul Pil indicano un + 6,6%, ma il costo delle materie prime e le difficoltà di magazzino sono elementi negativi pesantissimi, soprattutto se immaginiamo che la situazione degli stoccaggi di gas possa produrre effetti anche per il 2023 almeno».

Luca Zaia prende il microfono all'assemblea generale di CNA Veneto
Il presidente Zaia in un momento del suo discorso all’Assemblea annuale della CNA Veneto a Campocroce di Mogliano

Il presidente Zaia sottolinea come siano capitate due situazioni di estrema difficoltà in soli due anni, prima il Covid poi la guerra in Ucraina: «Il mondo artigiano ha reagito con forza e compostezza in un quadro produttivo veneto che per l’80% è composto da imprese con meno di 15 dipendenti. Ora il sostegno sui costi è urgente, imprescindibile».

«Questo sistema economico è agli antipodi rispetto a quello fordista – ha aggiunto con una punta d’ottimismo – e potrebbe avere le caratteristiche di flessibilità utili per rispondere meglio alla tempesta. Come Regione non stiamo certo a guardare. Per i prossimi giorni ho convocato un tavolo con tutte le parti sociali e imprenditoriali per affrontare assieme il problema e fare squadra verso le possibili soluzioni e interventi. Non posso non ricordare però che la Regione Veneto è l’unica in Italia a non aver imposto da 11 anni l’addizionale regionale Irpef, lasciando nelle tasche dei cittadini 1 miliardo 170 milioni di euro l‘anno».

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv