Arrestato mentre si fingeva carabiniere

Si spacciava per carabiniere per vendere in modo illecito un’auto. A scoprire la truffa di un trentenne di Bardolino i veri carabinieri che, dopo aver portato in caserma l’uomo, di professione parrucchiere, l’hanno arrestato per tentata truffa, falsa dichiarazione sull’identità a pubblico ufficiale e usurpazione di titoli.

Stava cercando di vendere in modo illecito un’auto, ma per ottenere la fiducia della gente si è finto carabiniere. A finire nei guai un parrucchiere di 30 anni che, con i militari, non aveva mai avuto a che fare. Eppure, sul suo profilo facebook, le foto marchiate con il logo dei carabinieri tappezzavano la sua bacheca e si poteva leggere che la sua specializzazione era quella di “carabiniere subacqueo“.

A scoprire la truffa sono stati i carabinieri di Bardolino che, dopo aver portato il giovane al Comando, non sono riusciti a far confessare il 30enne, il quale ha continuato a raccontare bugie fino a quando, di fronte alla domanda su chi fosse il suo comandante, ha ceduto.

L’uomo è stato quindi arrestato per tentata truffa, falsa dichiarazione sull’identità a pubblico ufficiale e usurpazione di titoli. Dopo aver passato la notte nella cella della Compagnia di Peschiera del Garda, stamattina, in tribunale, il giudice ha convalidato l’arresto e lo ha condannato a sei mesi di reclusione con pena sospesa.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.