Appello di Rotta a Zaia: «Riconosca il fallimento e inizi a collaborare»

La deputata del Partito Democratico Alessia Rotta usa i social per appellarsi al Presidente Luca Zaia. «Il tasso di positività in Veneto è schizzato oltre il 36%, dobbiamo uscire da questa tragedia».

Alessia Rotta e Luca Zaia

«Adesso basta conferenze stampa su letalità, validità dei test e adattamento del virus, ma soluzioni per contenere il dilagare dell’epidemia, migliorare la situazione, fermare la crescita dei decessi, delle sofferenze, liberare reparti per assistere i malati non COVID e proposte per sostenere la vita economica e sociale della nostra comunità». Questo l’appello lanciato su Facebook della deputata Alessia Rotta, Presidente della commissione Ambiente della Camera, al Presidente del Veneto Luca Zaia.

«Il tasso di positività in Veneto è schizzato oltre il 36% – fa notare Rotta – . Una percentuale straordinariamente alta se confrontata con quella nazionale, che è al 12,50%, siamo quindi a un livello tre volte più alto rispetto alla media nazionale. In questa seconda ondata in Veneto abbiamo il doppio dei morti rispetto alla Lombardia che ha, tuttavia, il doppio della popolazione. Il dato dei ricoveri per COVID continua a crescere, mentre nel resto d’Italia la curva è in discesa. Il Veneto inoltre è stata la regione che ha visto entrare il maggior numero di persone in terapia intensiva (36), con un ampio distacco rispetto alla seconda, la Lombardia, dove ne sono entrati 20. In Veneto è positivo anche il saldo dei ricoverati con sintomi nei reparti di medicina Covid, dove in 24 ore i ricoverati sono aumentati di 38 unità. Ma soprattutto ci sono 94 deceduti in un solo giorno, un numero ancora spaventosamente alto. Ma intanto manca personale per far funzionare le terapie intensive».

Alessia Rotta

«Tra 10 giorni riapriranno le scuole – spiega la Presidente Rotta -. Con il periodo di incubazione post Natale potremmo diventare la Wuhan d’Italia. Non è mai esistito un modello Zaia, ma un modello Crisanti che è stato allontanato perché oscurava la popolarità del Presidente in periodo pre elettorale. In Veneto è stato dimostrato, contro ogni possibile evidenza scientifica, che le centinaia di ore di dirette televisive di Zaia non sono servite a fermare il Covid, ma solo ad aumentare la popolarità del governatore tuttofare. Il Presidente è sempre bravo a trovare alibi, adesso è la variante inglese, invece di riconoscere l’amara verità: in Veneto c’è stata una gestione scriteriata e sciatta del virus. Nessun modello di efficienza e prevenzione. Nessuno vietava a Zaia, come ha fatto ad esempio il Presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, di inasprire le disposizioni del Governo e imporre le zone rosse dove fosse servito. Invece, ha scelto la via di blande ordinanze che non hanno sortito alcun effetto. È del tutto evidente che così non si salva neppure il tessuto produttivo, perché prima si esce dalla pandemia e prima risolveremo anche i problemi dell’economia. Così, invece, non si tutelano né salute né attività produttive”.

«Noi vogliamo dare una mano al Presidente – conclude Rotta -, ma lui deve riconoscere il suo fallimento e dare il via a una nuova stagione di collaborazione che tiri fuori il Veneto da questa tragedia».