Anpi Legnago, martedì 29 settembre l’incontro su “Costituzione e sanità”

Martedì 29 settembre alle ore 20.45, nella sala civica via Matteotti 4 a Legnago e in diretta facebook sulla pagina Anpi Legnago si terrà la conferenza aperta al pubblico "Costituzione e sanità. La salute è un diritto o una merce?". Relatore dottor Massimo Valsecchi, modera Andrea Cesaro, medico di famiglia.

Martedì 29 settembre ore 20.45, nella sala civica via Matteotti 4 a Legnago e in diretta facebook sulla pagina Anpi Legnago si terrà la conferenza aperta al pubblico “Costituzione e sanità. La salute è un diritto o una merce?“. Relatore dottor Massimo Valsecchi, modera Andrea Cesaro, medico di famiglia.

L’art. 32 della Costituzione recita: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti» affermano gli organizzatori. «Il Ministero della Salute precisa che: «L’espressione “diritto alla salute” sintetizza una pluralità di diritti quali il diritto all’integrità psico-fisica e quello ad un ambiente salubre, il diritto ad ottenere prestazioni sanitarie, alle cure gratuite per gli indigenti nonché il diritto a ricevere prestazioni sanitarie a tutela oltre che della persona del destinatario, di un interesse pubblico della collettività».

La norma è rivoluzionaria nel doppio valore della salute: è un diritto individuale inviolabile e assoluto e un bene di rilevanza collettiva. L’Italia è stata la prima in Europa a riconoscere il diritto alla salute nella sua Costituzione. Il percorso per arrivare al presente ebbe alcuni passaggi, il primo con l’istituzione del Ministero della Sanità (1958), per arrivare poi alla svolta, che si può definire storica, con l’avvio del Servizio Sanitario Nazionale (1978).

Successivamente sono state introdotte numerose riforme. I passaggi che hanno segnato la storia della sanità nel Paese nel settantennio repubblicano, saranno oggetto dell’incontro. Il dottor Massimo Valsecchi, già direttore sanitario della ULSS di Verona ed attuale segretario dell’Accademia di agricoltura, scienze e lettere di Verona, descriverà la nascita della sanità pubblica in Europa e in Italia, dei dati di comparazione fra i vari sistemi sanitari e della proposta di riorganizzare il nostro sistema sanitario dopo l’epidemia da Covid19.

L’analisi di come questa riorganizzazione può contrastare le disuguaglianze sanitarie nelle patologie cronico-degenerative rispondendo così al dettato dell’art. 3 della Carta costituzionale.

I posti sono limitati. Si consiglia di prenotare alla mail di Anpi.