Ancora truffe all’esame della patente: scoperti con telecamere

La Polizia locale di Verona scopre ancora dei tentativi di truffa alla Motorizzazione: un uomo si è infilato l’auricolare nell’orecchio per nasconderlo ed è stata necessaria l’estrazione in ospedale.

truffa patente

Un’intensa attività viene portata avanti dal Laboratorio Analisi Documentale della Polizia locale di Verona per contrastare l’utilizzo di ausili tecnologici quali telecamere, cellulari ed auricolari per superare l’esame scritto della patente di guida alla Motorizzazione Civile.

Un fenomeno che non conosce decrementi, anzi è sempre più frequente da parte di cittadini stranieri affidarsi a vere e proprie organizzazioni criminali che predispongono “tour” alle Motorizzazioni di diversi capoluoghi italiani.

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Individuati oggi alla Motorizzazione un 21enne, residente nel veronese, e un 32enne. Uno alla vista degli agenti si è infilato nell’orecchio l’auricolare, e si è reso necessario l’accompagnamento al pronto soccorso di Borgo Trento per la sua estrazione da parte di un medico otorinolaringoiatra.

Sono stati segnalati alla Procura della repubblica per falsità ideologica e per la falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di titoli abilitanti.

I costi per l’assistenza tecnologica vanno dai 1.000 fino ai 4.000 euro. Un fenomeno in aumento perché, come dichiarato dai candidati, è semplice farsi assistere da gruppi criminali operanti in molte province.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

«Rinnoviamo l’appello ai Ministeri dei Trasporti e della Giustizia – dichiara il comandante della polizia locale Luigi Altamura –, fatto alcuni mesi fa ma non ancora ascoltato, affinché siano adottate nuove norme rispetto a quella di un secolo fa che oggi vengono applicate (legge nr. 475 del 19/4/1925) e che si introducano aggravanti specifiche per il reato di truffa, per permettere anche l’arresto in flagranza di reato, ora non previsto. Ne va della sicurezza stradale e della pubblica incolumità, considerato la vastità del fenomeno a livello nazionale.
Vanno presentati appositi emendamenti al ddl del nuovo codice della strada in discussione in queste ore in Commissione lavori pubblici al Senato. Altro appello lo lanciamo a quelle scuole-guida che iscrivono candidati che non hanno mai frequentato i corsi e che non accertano la corretta preparazione all’esame scritto. Occorre la massima vigilanza anche da parte loro».

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato