Alti Pascoli della Lessinia, ieri sera il brindisi della vittoria

Gran parte delle persone che hanno collaborato al progetto che ha portato il territorio degli Alti Pascoli all'iscrizione del Registro nazionale dei paesaggi storici rurali si è ritrovato ieri sera a Malga Campoleva' di Sotto, a Bosco Chiesanuova, per festeggiare il traguardo raggiunto.

Gli Alti Pascoli della Lessinia sono ufficialmente iscritti nel Registro nazionale dei paesaggi rurali storici. Mercoledì 9 settembre 2020 la Commissione dell’Osservatorio Nazionale del paesaggio rurale, che fa a capo al Ministero delle Politiche agricole e forestali, ha valutato positivamente la relazione espositiva del dossier curato dal team operativo di professionisti ed esperti dell’Associazione temporanea di scopo “Alti Pascoli della Lessinia”.

In serata alcuni dei protagonisti e dei sostenitori dell’iniziativa iniziata cinque anni fa si sono ritrovati al Baito Jegher di San Giorgio per festeggiare un risultato storico e prestigioso per tutto il territorio veronese. Particolarmente emozionato il coordinatore del progetto, Giuliano Menegazzi.

A finanziare il progetto Alti Pascoli della Lessinia, che ha messo insieme comuni sei veronesi, due trentini, uno di Vicenza, due società agricole e molti altri partner istituzionali è stato il GAL Baldo Lessinia. Ad illustrare la relazione finale, in rappresentanza di tutto il team di esperti che ha lavorato al dossier, è stato il dottore forestale Davide Pasut.

Elemento decisivo per il parere favorevole della Commissione è stato l’indice di integrità del paesaggio degli Alti Pascoli.