All’ospedale di Negrar la realtà aumentata entra in sala operatoria

L'ospedale di Negrar si è dotato di una tecnologia innovativa che consente al chirurgo di vedere in tempo reale immagini dell’arto aumentate di alcuni elementi virtuali. Informazioni preziose per ottenere un impianto ottimale e duraturo nel tempo.

Dopo la stampante 3D e il robot chirurgico, nelle sale operatorie dell’Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale di Negrar è entrata la realtà aumentata. L’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria è il primo centro in Italia a validare in ortopedia questa tecnologia innovativa che ha lo scopo di migliorare ulteriormente gli impianti di protesi, in questo caso del ginocchio. Grazie ad essa il chirurgo vede in tempo reale, senza distrarre lo sguardo dal piano operatorio per consultare le immagini radiografiche, se sta posizionando la protesi esattamente come da lui stabilito nel piano pre-operatorio. 

L’équipe diretta dal dottor Claudio Zorzi vanta una delle più alte casistiche in Italia di impianti protesici al ginocchio: 986 solo lo scorso anno, di cui un centinaio bilaterali. Proprio in virtù dell’eccellenza raggiunta nel campo della protesica – Negrar è centro di riferimento regionale per la revisione di protesi di ginocchio e anca – sono stati eseguiti recentemente cinque interventi con la realtà aumentata che contribuiranno a mettere a punto un sistema di navigazione unico nel suo genere e destinato in un prossimo futuro ad essere utilizzato di routine nella chirurgia ortopedica. 

«Secondo studi internazionali il 20% di coloro che hanno avuto un impianto di protesi al ginocchio si dichiara insoddisfatto del trattamento chirurgico. Quasi sempre la causa è il posizionamento della protesi, non conforme cioè alle caratteristiche morfologiche dell’arto del paziente. La realtà aumentata interviene proprio con l’obiettivo di colmare questo gap, perché introduce nelle immagini reali elementi virtuali», spiega il chirurgo ortopedico Venanzio Iacono.

L’intervento di protesi comporta l’individuazione di punti anatomici ben precisi dell’arto, che fungono da reperi per effettuare i tagli sull’osso necessari a posizionare la protesi. «La realtà aumentata richiede che su questi ‘punti di riferimento’ vengano collocati dei Qr code – prosegue il medico -. Questi, una volta inquadrati, consentano alla fotocamera collegata agli occhiali indossati dal chirurgo di proiettare sugli stessi occhiali l’immagine reale dell’arto, ‘aumentata’ da alcuni elementi virtuali come la linea dell’asse del ginocchio e i gradi. Grazie a queste informazioni, il chirurgo può verificare se i tagli che sta effettuando sull’osso corrispondono all’inserimento della protesi secondo le angolature previste dal piano pre-operatorio». La realtà aumentata non incide quindi sull’abilità del chirurgo, ma sulla precisione dell’intervento.

«L’ottimale posizionamento della protesi oltre a permettere al paziente di riconquistare senza problemi la sua quotidianità, garantisce una maggiore durata della protesi stessa, evitando un intervento di revisione, delicato sul piano chirurgico e costoso per il sistema sanitario nazionale», conclude il dottor Iacono. 

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM