Allerta meteo in Veneto, pronto il piano neve anche a Verona

Riunita dall'assessore alla Protezione Civile del Veneto, Giampaolo Bottacin, l'unità di crisi per il maltempo previsto in Regione nelle prossime ore. Predisposto anche dalla Prefettura di Verona il "piano neve".

neve a Verona piazza Erbe by Angelo

Previsione preventiva degli scenari di rischio sulla scorta delle condizioni meteo e raccordo operativo tra Prefettura, Polizia Stradale, Concessionari autostradali, Enti proprietari delle strade, Provincia e Polizie Municipali per l’attuazione delle misure opportune, secondo le soglie di allerta previste dal vigente Piano neve predisposto dalla Prefettura, in linea con le direttive del Ministero dell’Interno per la gestione delle emergenze di viabilità in caso di precipitazioni nevose per la stagione invernale 2020-2021.

Il Prefetto  Donato Cafagna ha presieduto ieri in videoconferenza una riunione del Comitato Operativo Viabilità, cui hanno preso parte i Comandanti della Sezione della Polizia Stradale di Verona e della Polizia Municipale, nonché i rappresentanti della Provincia di Verona, del Comando provinciale dei Carabinieri e dei Vigili del Fuoco, del Compartimento Anas, della Società Veneto Strade, dell’Autostrada del Brennero A22 e Serenissima A4.

A corollario delle misure pianificate, è stata inoltre sottolineata l’importanza, da parte dei Concessionari autostradali e degli Enti proprietari delle strade, della pronta informazione all’utenza circa le condizioni di viabilità, nonché la necessità che ogni automobilista  adotti condotte di guida prudenti, commisurate alle condizioni metereologiche, munito di dotazioni invernali – pneumatici o catene a bordo – efficienti.

Leggi anche: Mattinata di neve a Verona e provincia

Ad attivarsi in questi giorni anche l’Unità di Crisi regionale della Protezione Civile, presieduta dall’Assessore Gianpaolo Bottacin, che si è riunita ieri per valutare la situazione alla luce dell’attesa, forte perturbazione, che si prevede colpirà il Veneto, soprattutto nel fine settimana.

«È stato un incontro molto operativo – ha riferito Bottacin alla fine – nel corso del quale è stato deciso l’allertamento dell’intero sistema di difesa e d’intervento del Veneto. Anche in questo caso facciamo squadra: con me e i tecnici della Protezione Civile e della Difesa del Suolo regionale c’erano infatti anche i Vigili del Fuoco, Arpav, Veneto Strade, Anas, Enel, Soccorso Alpino, Volontariato della Protezione Civile, Carabinieri Forestali e Suem 118».

«Sono state valutate – dice Bottacin – le condizioni di maggior criticità che si prevedono nel fine settimana, con abbondanti nevicate e conseguente rischio valanghe in montagna e punte di 300 millimetri d’acqua dove pioverà. In particolare nell’area pedemontana, sono attese forti piogge, con rischi per la tenuta idrogeologica. Previsti anche fenomeni ventosi di scirocco in montagna e sul litorale con alta marea».

«Oltre agli aspetti prettamente meteorologici – ha riferito ancora Bottacin – è stato valutato a fondo l’intero sistema sanitario in emergenza-urgenza, con particolare riguardo alle possibili necessità di ricovero urgente, oggi più che mai rilevanti alla luce dell’emergenza Covid che stiamo affrontando».