Alcenago: il Comune ripristina la Strada delle Sengie

La Regione Veneto ha confermato il contributo, stanziato nel 2011, di trecentomila euro. Si tratta del tratto di strada che collega la Valpantena alla Valpolicella.

strada sengie alcenago
New call-to-action

L’Amministrazione comunale intende ripristinare ad Alcenago la viabilità di collegamento con località Sengie. La Regione Veneto ha confermato il contributo, stanziato nel 2011, di trecentomila euro. Si tratta del tratto di strada che collega la Valpantena alla Valpolicella. Come si ricorderà, il 2 ottobre 2011, alcuni eventi franosi hanno determinato la chiusura di un tratto della Strada Provinciale 12/A di Fiamene, con conseguente deviazione del traffico su di un percorso alternativo provvisorio; un nuovo evento franoso, con formazione di voragini di sprofondamento verificatosi il 23 ottobre 2013, in continuità con la prima frana, ha probabilmente frenato qualsiasi intervento definitivo immediato per il ripristino della strada. 

LEGGI LE ULTIME NEWS

Nel dicembre 2022 la conferenza di servizi indetta dalla Provincia di Verona, ha avuto anche il compito di esaminare il progetto preliminare relativo all’opera di ricostruzione della strada in località Coda di Alcenago, in variante alla predetta Strada Provinciale 12/A di Fiamene. Progetto approvato dalla Giunta comunale (del 4 dicembre scorso), la quale, considerando il contributo assegnato dalla Regione Veneto e i tempi di esecuzione dell’opera – 31 ottobre 2024 e 30 novembre 2024 consegna della documentazione per ottenere il contributo – ha messo in cantiere anche quest’opera.

A tal fine l’amministrazione ha affidato l’incarico ad un ingegnere esterno per la progettazione esecutiva, direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza.  

Si tratta di lavori importanti, in quanto la variante provvisoria di collegamento con la SP12 di Fiamene, risulta ammalorata, tanto che è stato messo un cartello che obbliga auto e tir a “10km all’ora”. Ricordiamo che si tratta di una strada molto frequentata da e per l’ospedale di Negrar (oltre che dai tir provenienti dalla zona industriale di Sant’Anna d’Alfaedo, da Stallavena e Lugo). 

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono